Fonte: www.londra.italiani.it

Storie di terrore: i fantasmi della Metropolitana di Londra

La metropolitana è un area vitale per la città di Londra dalla sua costruzione inziata nel 1863. Con i suoi 408 km di binari, 275 stazioni, 12 linee, 408 scale mobili e 112 ascensori è la metropolitana più estesa al mondo oltre ad essere la più antica. Ogni giorno più di 3 milioni di persone transitano nelle sue gallerie e corridoi e la maggior parte è ignara della storia del luogo che la circonda. Una storia ricca di avvenimenti, molte dei quali anche tragici. Dalle prime fasi della sua costruzione e successivamente, durante le guerre, le morti accidentali e i suicidi avvenuti in quei posti si contano a migliaia. Un incensante via vai di anime, a cui si aggiungono quelle disurbate nel loro legittimo riposo con la distruzione di tombe e cimiteri, fosse e cripte in nome del progresso. Sono tante le storie degli spiriti che vagano nella metropolitana, storie inedite e misteriose raccontate dagli uomi che vi hanno lavorato. Ecco alcune storie dei fantasmi della metropolitana di Londra.

Fonte: www.quilondra.com

IL DISASTRO DI BETHNAL GREEN

Apriamo questa carellata di racconti dei fantasmi della metropolitana di Londra, con la storia di Bethnal-Green. Durante la seconda guerra mondiale, in questa località persero la vita 173 persone, di cui 27 uomini e il restante bambini e donne. Una tragedia senza precedenti, il peggiore disastro civile di quegli anni. Le anime di coloro che hanno così tragicamente perso la vita ancora vagano senza meta. A darne testimonianza fu il caposquadra John Graham. Una notte, mentre era in servizio nell’area di East London, stava spegnendo alcune luci della stazione di Bethnal-Green quando all’improvviso sentì la voce di alcuni bambini che piangevano. La stazione era chiusa e tutti erano andati a casa mentre lui era rimasto nel suo ufficio per completare il lavoro. Pensando di sognare, continuò nel suo lavoro, ma grida di donne e forti rumori gli gelarono il sangue. A distanza di anni, ancora giura di aver sentito quei lamenti per oltre 15 minuti.

Fonte: www.visitbritain.com

IL  FANTASMA DEL TUNNEL DI GRACECHURCH

Il tunnel di Gracechurch a King William Street è tra i più vetusti e logori della rete. Abbandonato agli inizio del 1900, si estende dalla stazione di Borough fino a quella di London-Bridge. In occasione del centenario della metropolitana e della pubblicazione di un libro commemorativo, in molti si recarono nel tunnel per scattare delle foto. Tra questi, anche il fotografo Printz Holman. Fu proprio lui a raccontare di uno strano disagio avvertito sul posto. A dare ragione alle sue sensazioni, le strane foto che ne uscirono fuori. Durante lo sviluppo dei negativi, infatti, su una foto uscì una persona in piedi translucida e in ombra. In seguito un medium si recò sul posto dove era stata scattata la foto e affermò di essere entrata in contatto con un uomo deceduto nel tentativo di sedare una rissa avvenuta all’epoca quando iniziò la costruzione del tunnel.

IL FANTASMA DELLA LINEA BAKERLOO

L’dea che i fantasmi tengono compagnia ai passeggeri e agli addetti che giorno e notte lavorano nella metropolitana non è una novità e le storie a riguardo se ne contano a decine. Ne è un esempio la storia del fantasma della linea Bakerloo. Si dice, infatti, che seduti in una carrozza viaggiando verso nord possa capitare di vedere il riflesso di una persona seduta accanto a noi nel vetro, anche se il posto è in realtà vuoto. Di storie come queste se ne parlava già agli inizi del secolo scorso ed interessavano il tunnel oggi murato che andava da London-Hospital a London-Chapel e che trasportavano solo cadaveri dall’ospedale al cimitero.

Fonte: www.vanillamagazine.it

IL FANTASMA DI JUBILEE-LINE

La linea più nuova della metro londinese è la Jubilee-line che si estende da Westminster fino a Stratford nella zona ad est di Londra. Per costruirla sono state attraversate le fondamenta di parecchi monasteri e riesumate e trasferite più di 600 tombe. Si dice che da allora sulla rete sono aumentati gli avvistamenti di fantasmi e strane presenza. E’ quello che è capitato a Bill McKeown che da oltre 20 anni perlustra i tunnel della metropolitana. Un giorno mentre nelle prime ore del mattino controllava le rotaie a Baiker-Street, sentì un rumore, il pietrisco che si muoveva e vide ombre sul terreno come se qualcuno stesse camminando. Contemporaneamente, il suo corpo sembrava percorso da corrente elettrostatica. Quando Bill raccontò l’episodio al suo superiore, non ci fu nessuno stupore. Altri, infatti, avevano avuto la stessa esperienza. Ad agginarsi per Baiker Street è il fantasma di un operaio che aveva il compito di perlustrare proprio quella parte di linea.

IL FANTASMA DI COVENT GARDEN

Concludiamo la nostra carrellata dei fantasmi della metropolitana di Londra, con il fantasma di Covent-Garden, lo spirito più famoso della metropolitana londinese. Il suo ultimo avvistamento risale al 1972, quando una notte Cristopher Joseph, adetto agli ascensori della stazione, si ritrovò davanti un uomo alto vestito all’antica con panciotto e cappello a tuba. Rammaricatosi di aver chiuso gli ascensori credendo che non vi fosse più nessuno, si scusò e corse a riprendere le chiavi per farlo risalire ed uscire. Quando due minuti dopo ritornò, l’uomo era scomparso. Giorni dopo qualcuno gli mostrò una foto di un uomo morto più di cento anni prima ed era la stessa persona che lui aveva visto. Si trattava dell’attore William Terris morto pugnalato a morte nel 1897 da un attore rivale. Da allora, purtroppo, le apparizioni sono diminutie mentre sono aumetnati i viaggiatori. Che anche il fantasma sia non sopproti la folla?



redazione