Scoppiato a Taiwan il “salmon caos”: cambiare nome per magiare gratis

E’ sempre più di moda in Italia mangiare cibo etnico, in particolare per quello giapponese. Dopo essere stata per molto tempo fenomeno di nicchia solo per veri intenditori con possibilità di spendere visto l’alto prezzo medio di una cena, la cucina giapponese oggi è ormai a portata di tutti. Tutto questo grazie al fenomeno della formula “All you can eat” che ti permette di mangiare fino allo sfinimento. Sushi è diventato una vera e propria passione, una voglia da soddisfare, anche a costo di qualche stranezza. E’ quello che è successo a Taiwan, dove è scoppiato il “salmon caos”. Alcuni giovani della piccola nazione asiatica, infatti, si sono precipitati in massa all’anagrafe per cambiare nome in “salmone” solo per avere un pasto “all you can eat” gratuito.

UN CAMBIO DI NOME IN CAMBIO DI SUSHI

L’idea è partita da una catena di locali di sushi che ha lanciato un’offerta straordinaria. Per due giorni, chiunque si fosse presentato mostrando una carta d’identità contenente i caratteri “gui yu”, corrispondenti alla parola “salmone”, poteva usufruire di un pasto.  Un’offerta valida non solo per il fortunato ma anche per 5 amici. I giovani di Taiwan non si sono fatti pregare. In pochissimi giorni sono stati più di 150 le persone che hanno modificato il proprio nome, generando un vero e proprio  “salmon caos”, come lo hanno ribattezzato i giornali locali.

TUTTI FELICI…TRANNE GLI UFFICI

“Da stamattina mi chiamo Bao Cheng Gui Yu”, ha raccontato un ragazzo alla locale TVBS, “e abbiamo già mangiato sushi per più di 200 euro”. Senza dubbio, un’ottima cosa per il gruppo di amici, un po’ meno per il governo di Taiwan. Le autorità taiwanesi, infatti, non l’hanno presa benissimo. Pur non potendoci fare niente da un punto di vista legale, hanno invitato i cittadini a un comportamento più serio, per evitare agli uffici pubblici una perdita di tempo e uno spreco di scartoffie. Una richiesta insolita che, naturalmente, ha fatto il giro del mondo. “In fin dei conti il nome si può cambiare di nuovo”, hanno commentato i ragazzi. Anche se qualcuno ha già dichiarato che, forse in memoria di questa bravata, non è certo che lo ricambierà.



Catiuscia Polzella