Da www.rollingstone.it

Rancore e xenoverso: ecco cosa può celarsi dietro la mente del rapper

Ermetico ed enigmatico, Rancore è uno dei cantautori più misteriosi e affascinanti del panorama rap italiano. I suoi fan più accaniti si saranno accorti che da un po’ di giorni il suo profilo Instagram si è svuotato. Il rapper di Roma ha smesso di seguire chiunque e ha eliminato tutte le foto, tranne una. L’immagine in questione è relativa a uno strano lemma, “xenoverso”, e alla pagina del vocabolario nel quale è inserito.

Subito dopo la pubblicazione della foto, Rancore ha posto un quesito nelle proprie storie, dove ha chiesto ai suoi seguaci se la parola “xenoverso” comparisse anche nei loro dizionari. La risposta è stata quasi un plebiscito: nessuno ha trovato questo lemma, nemmeno nei vocabolari più moderni.

Stando alla foto da lui pubblicata, il termine si riferisce a tutto ciò che è inconoscibile e inclassificabile nei fenomeni del nostro universo.

L’idea che tutti ci siamo fatti è che sia in lavorazione un nuovo disco. E le premesse, se la teoria fosse confermata, danno adito a tutta una serie di teorie. Di cosa parlerà Rancore nei suoi nuovi brani? Come farà a scrivere ciò che per definizione non si può conoscere?

Nelle ultime ore, inoltre, nelle storie di Rancore sono comparse diverse foto che presentano illustrazioni di strane piante, animali, e costruzioni. Il tutto accompagnato da delle didascalie scritte a caratteri illeggibili.

Per provare a dare un’ipotesi su cosa possiamo aspettarci dal possibile nuovo lavoro di Rancore è utile fare un collegamento con due degli ultimi brani da lui pubblicati. Partiamo da “Eden”, la straordinaria canzone che ha portato a Sanremo. Il brano ci dà una visione della Storia e del mondo nel quale viviamo, andando a mettere in luce i progressi (o regressi) dell’uomo. Si parte dall’attentato dell’11 settembre e si arriva allo sviluppo della moderna tecnologia, simboleggiata dagli I-Pad oro. In mezzo c’è tutto il resto, tra cui si colloca anche Isaac Newton.

La copertina di “Eden”. Da www.genius.com

Interessante per capire la direzione del brano è il passo che collega strofe e ritornello: “ora il Pianeta Terra chiama destinazione / nuovo aggiornamento, nuova simulazione”. Stiamo arrivando alla destinazione? Il futuro sarà fuori dal pianeta e siamo chiamati ad “aggiornarci”? Stiamo per andare incontro allo “xenoverso”?

Proviamo, ora, a riflettere su un altro brano, pubblicato anch’esso nel 2020, intitolato “Razza aliena”. Già il titolo ci dà l’idea di un qualcosa di extra-terrestre in senso letterale, ma che si mescola con la realtà terrestre: “tu non sapevi che io a casa vivo con gli alieni / le mie canzoni sono scritte da una razza aliena”. O ancora, il passo dove elenca diverse specie aliene: Blu, Anunnaki, anfibioidi ed andromediani / […] / grigio classico, Lux, pleiadiani / oltre ai più preziosi e più pericolosi: gli esseri umani”. Dalle parole del rapper in questo pezzo sembra trasparire la teoria di una realtà mistra fra alieni e umani, che rende difficile anche distinguere gli uni dagli altri.

L’idea che nasce dal confronto tra i due brani è che essi facciano parte di un percorso tematico ben preciso. Con “Eden” si parte dal Pianeta Terra, con “Razza aliena” si inizia a guardare oltre, al di là della realtà terrestre. Il punto di arrivo, forse, può essere proprio quello “xenoverso” di cui abbiamo parlato.

Questa è solo una teoria, ma per capire se possa essere plausibile o meno dovremo ancora aspettare. Rancore, questo è certo, sta preparando qualcosa di grosso.



Marco Nuzzo