Miley Cyrus ritrova se stessa con il rock sfacciato di Plastic Hearts

Forte del successo dei suoi ultimi singoli promozionali, fra cui il primo singolo Midnight Sky, che ancora oggi si trova alla 1ª posizione delle canzoni più riprodotte in Europa, e la trionfante collaborazione con Dua Lipa, Prisoner, Miley Cyrus torna con il suo 7º disco di inediti, Plastic Hearts, a distanza di un anno e mezzo dalla pubblicazione di She Is Coming, EP che ci ha regalato una delle canzoni pop più belle dello scorso anno, Mother’s Daughter.

Non è stato difficile arrivare a questo traguardo per Miley Cyrus. Ci sono voluti ben due anni per mettere fine al processo creativo  dell’album che, a detta della cantante, in una lunga lettera scritta ai suoi fan qualche mese fa, è stato come stare sulle montagne russe, ma alla fine il risultato ne è valso pienamente la pena.

Ho iniziato questo album più di 2 anni fa. Pensavo di aver capito tutto. Non solo il disco con le sue canzoni e suoni, ma tutta la mia fottuta vita. Ma nessuno controlla un ego come la vita stessa. Proprio quando pensavo che il corpo del lavoro fosse finito…è stato tutto cancellato. Compresa la maggior parte della rilevanza musicale. Perché tutto era cambiato. La natura ha fatto quello che ora vedo come un favore e ha distrutto ciò che non potevo lasciare andare per me stessa. Ho perso la mia casa in un incendio, ma mi sono ritrovata tra le sue ceneri.

billboard.com

Eppure Miley Cyrus ce l’ha fatta, nonostante la sua vita non sia mai stata facile, non ha lasciato che le difficoltà la tirassero giù con loro, e come già in altre svariate occasioni, la cantante di Midnight Sky ha preso la sua vita in mano un’altra volta e l’ha ripresa con forza, con il desiderio di tornare a mostrare la parte più bella e sincera di sé, a volte complicata e turbolenta, ma in fondo è questo che fa di lei l’artista iconica che è, ed è sempre stata.

Con Plastic Hearts, Miley Cyrus si addentra nel mondo del rock elevando alla potenza gli assaggi che ci aveva dato con Midnight Sky e Prisoner, senza contare le meravigliose cover di alcuni dei brani rock più famosi di sempre, come Zombie e Heart of Glass. Alcuni brani sono potenza allo stato puro, prima fra tutte la collaborazione con Billy Idol, Night Crawling, vera perla del disco che mette in luce la parte più casinara e rockettara dell’ex Disney Channel.

Miley Cyrus non ha voglia di scherzare, e questa canzone ne è la prova inconfutabile.

Ma oltre alla voglia di spaccare tutto e festeggiare al ritrovo della vera sé, Miley ci ha anche regalato delle ballad che arrivano al cuore nell’immediato, e Angels Like You, che ha raggiunto 2 milioni di views su YouTube, è quella che più di tutte riesce nel tentativo di commuovere persino il più orgoglioso e rancoroso degli innamorati, un po’ come fece durante la fortunata e criticata era di Bangerz la romantica Adore You, rilasciata come terzo singolo.

Si aggiungono alla lista High, Never Be Me e Golden G String.

Top 👍: Angels Like You, Night Crawling, Prisoner, Midnight Sky, Never Be Me

Flop 👎: Plastic Hearts

Voto: 8/10



Marco Russano