Led Zeppelin, Kiss e Rolling Stones: storia di rockstar capricciose

In MUSICA, SPETTACOLO by Alice SpotoLeave a Comment

Alzi la mano chi negli ultimi giorni non ha letto, visto in TV o anche sentito per sbaglio la notizia (smentita varie volte dai protagonisti) che il giovane trio musicale italiano, Il Volo avrebbe messo a soqquadro la stanza dell’hotel a tre stelle Garni di Lac, a Locarno. Prendo spunto da questa notizia, vera o falsa che sia, per porre una domanda: mai nessuna star della musica ha devastato gli alberghi in cui soggiornavano? Ovviamente si! E parliamo sopratutto di quelle band che negli anni ’60 e ’70, i fantastici tempi d’oro del rock’n’roll trascorrevano una vita dissoluta e frenetica tra alcool, droga, sesso e appunto scorribande in locali e hotel delle città dei loro tour.

Ecco 3 tra le band più distruttive della storia della musica rock.

IlVolo1

Il Volo (No, evidentemente loro non fanno parte delle tre band rock più “distruttive” della storia).

LED ZEPPELIN

zeppelin

I Led Zeppelin, celeberrimo gruppo rock britannico della fine degli anni ’60, sono stati i primi fautori in questo campo.          I quotidiani americani dell’epoca riportavano giornalmente le loro bravate. Durante gli anni ’70, i Led Zeppelin spesso in tour in America, amavano soggiornare all’Andaz West Hollywood Hotel, a Los Angeles. 

andaz

Andaz West Hollywood Hotel, a Los Angeles

Le leggende raccontano che, durante un loro soggiorno in questa struttura, dopo aver affittato tutte e sei i piani dell’albergo, il batterista John Bonham si sia messo a correre nei corridoi e nelle stanze, niente poco di meno che con una motocicletta!       È facile immaginare le devastanti condizioni successive in cui versavano la moquette e le pareti delle camere, tutte sporche d’olio motore.

Robert Plant, voce del gruppo Led Zeppelin, all’Andaz West Hollywood Hotel a Los Angeles.

Robert Plant, voce del gruppo Led Zeppelin, all’Andaz West Hollywood Hotel a Los Angeles.

 KISS

kiss

Il famoso gruppo hard rock statunitense KISS vanta un gran numero di imprese folli e distruttrici in alberghi europei e americani, per opera soprattutto dello sfrenato chitarrista Ace Frehley, il quale a causa della sua dipendenza da alcool e delle sue scorribande, ha rischiato varie volte la vita nel corso della sua carriera. Proprio per questo motivo, i KISS durante il Festival di Sanremo del 1981 in collegamento dal famoso Studio 54 di New York si esibirono, con un’inedita formazione in trio.

acef

Ace Frehley, chitarrista e membro fondatore del gruppo rock dei Kiss

Qui di seguito un video di un reality televisivo dove il protagonista Frehley aveva il compito di devastare una camera d’hotel. Curiosi di vedere il risultato?

ROLLING STONES

rollingstones

Potevo non terminare con uno dei gruppi rock più famosi di tutti i tempi? Quei “ragazzacci” dei Rolling Stones infatti, ne hanno combinate di tutti i colori negli hotel di Los Angeles, facendo a gara con i Led Zeppelin su chi li distruggesse meglio. Decine di racconti vociferano sui leggendari festini organizzati al lussuoso hotel-castello Chateau Marmont di Los Angeles, a base di alcool, sostanze stupefacenti e sfrenate pratiche sessuali con le varie groupie. Uno degli episodi più in voga negli anni ’70 ha come protagonista il chitarrista Keith Richards. Al West Hollywood Andaz Hotel, assieme al suo amico e sassofonista Bobby Keyes, ha scaraventato una televisione fuori dal balcone, facendola precipitare nel parcheggio sottostante. Alla loro vita tra una stanza e l’altra hanno dedicato anche un canzone, Memory Motel, contenuta nell’album Black and Blue del 1976, dove si racconta la storia d’amore e passione con una certa Hannah, consumata proprio tra le mure di questo fantomatico motel.

ke

Keith Richards, chitarrista del gruppo Rolling Stones

chateau-marmont-la

L’hotel Chateau Marmont di Los Angeles

Ti è piaciuto questo articolo? Metti mi piace a Social Up!

About the Author
Alice Spoto

Alice Spoto

Facebook Instagram

Classe 1992. Nata in Svizzera e tornata nella sua Sicilia in tenera età, negli anni dell'università sceglie Catania come la città più affine al suo spirito contraddittorio. Laureata in Beni Culturali, ha scelto di continuare gli studi nel campo della comunicazione per poter approdare a tutti gli affetti nel campo del giornalismo culturale. Emotiva e lunatica, attualmente scrive sul web di arte, cultura e musica, attendendo di trovare il fegato di completare il suo romanzo nel cassetto (della biancheria).

Loading...