Le parole da dire su Giulia De Lellis, le corna, i libri ed il marketing

L’annuncio più inaspettato è arrivato in questa estate bollente piena di aperitivi e di tormentoni: Giulia De Lellis ha scritto un libro. Sulle sue corna.

Non avete letto male, né avuto allucinazioni. È proprio così. Giulia De Lellis ha scritto un libro. Colei che ha apertamente dichiarato di non aver mai letto in vita sua un libro, anzi, si è poi corretta dicendo di averne letti due quali “Il Piccolo Principe” di Antoine de Saint-Exupéry e “The Little Pink Book” di Sonia Grispo, arriverà in libreria il 17 settembre 2019 con la sua prima fatica letteraria dal titolo “Le corna stanno bene su tutto – Ma io stavo meglio senza” edito – rullo di tamburi – da Mondadori.

L’uscita del libro annunciata con un video lanciato sul web, diventato subito virale, nel quale vi è un gruppo di persone alle prese con la disintossicazione da una dipendenza dove compare la De Lellis che dice: «Ciao, sono Giulia e il 18 aprile ho scoperto di avere le corna».

Neppure a dirlo, la notizia ha fatto subito il giro del web, l’hastag #giuliadellelis è diventato trend topic su Twitter, su Amazon, in cui il libro è già ordinabile in pre order, le prenotazioni sono alle stelle e la stessa Giulia De Lellis nelle sue stories Instagram, intenta ad amoreggiare con Iannone e a pubblicizzare prodotti cosmetici, ha fatto la vaga senza sbilanciarsi troppo.

È ovvio che la notizia lascia un insieme di emozioni tra lo sgomento, l’ilarità, la curiosità e lo shock per tanti motivi che da qui a breve proveremo ad elencare.

Fa strano che una ragazza di 23 anni con circa 4 milioni di followers su Instagram dedita a far nella sua vita la lancia tendenze in fatto di cosmesi e outfit copiando Chiara Ferragni e colleghe, arrivi a scrivere un libro dopo aver detto di non averne mai letto uno e aver dato piena testimonianza con la partecipazione al Grande Fratello di come la scuola dell’obbligo non le abbia lasciato neppure i concetti basi sulla storia, la geografia e la letteratura italiana. La Mondadori, però, lo sa ed è per questo che ha affiancato a Giulia De Lellis, la scrittrice per davvero Stella Pulpo conosciuta sui social come “Memorie di una vagina” la quale compare pure nella copertina ma priva di grassetto e lettere cubitali.

https://www.instagram.com/p/B0b5uGLIk7Y/?utm_source=ig_web_copy_link

L’uscita del libro è il classico caso – l’ennesimo – di come ad oggi si monetizzi la vita. In breve, è una geniale trovata di marketing per far cassa. Se l’editore investe in un progetto come questo è perché sa che i ricavi saranno ottimi e qui gli elementi per dedurlo ci sono tutti. Prendi una fashion influencer più falla parlare delle corna che ha uguale entrate economiche infinite. È ovvio che un libro sulle corna venderà in base alla stessa logica per cui Temptation Island fa record di ascolti da ben sei edizioni. Non si considera, però, che ciò va a scapito anche dell'offerta che si offre al lettore medio il quale è alla ricerca di un libro di qualità e spesso, come in questo caso, si trova a dover decifrare il progetto di marketing dietro un libro che non è più fonte di conoscenza ma diventa un mero prodotto commerciale.

Sul mettere la propria vita privata in pubblica piazza, del resto, la Giulia De Lellis è abituata. Si è fatta conoscere come corteggiatrice a Uomini e Donne e in seguito, scelta, è diventata la fidanzata di Andrea Damante. La loro vita sentimentale è stata da subito regalata ai curiosi sui social di entrambi. Strumentalizzata, poi, per riuscire a creare un bacino di follower talmente numeroso da poterli portare ad essere famosi e a fare, il primo il veejay in giro per il mondo e la seconda la fashion influencer.

Da quando la popolarità è diventata una caratteristica della vita della De Lellis, la ragazza ha partecipato al Grande Fratello, ha sfilato sul red carpet della 75° Mostra del Festival di Venezia, ha realizzato moltissime collaborazioni con brand nonché creato personali linee di occhiali e di costumi raccontando ininterrottamente tutto alle sue “ragazze” (come le chiama lei) o meglio conosciute come “le bimbe della De Lellis”. Nelle sue stories Instagram, però, non solo lavoro ma anche la famiglia a cominciare dai video alla nipote e a finire ad Andre Iannone, il suo nuovo fidanzato.

Quella della De Lellis è una vita in costante presa diretta in cui tutto viene raccontato tra un consiglio per le labbra screpolate ed un abbraccio al suo fidanzato. E adesso anche le corna.

Su queste, vi sono due scuole di pensiero. C’è chi sostiene che la De Lellis sia stata cornificata da Andrea Damante proprio perché il 18 aprile lei ha annunciato di essersi lasciata e questa stessa data viene nominata nel video di lancio. C’è chi, invece, una cerchia ristretta, sostiene che la data indicata manca dell’anno di riferimento. Ad onor del vero, quindi, Giulia De Lellis ha potuto ricevere le corna da Irama, con il quale ha avuto una relazione proprio nel periodo di riferimento.

Per fortuna o purtroppo, però manca poco per conoscere la verità. Intanto, non resta che riflettere su quanto sia legittimo sfruttare dolori e vita privata per guadagnare.