Le auto da non perdere al Salone di Ginevra 2016

Dal 1905 il Salone di Ginevra rappresenta la rassegna automobilistica più importante e prestigiosa d’Europa in cui esporre tutte le novità ed anteprime che ben presto solcheranno le strade di tutto il mondo. Si tratta di un appuntamento imperdibile per i più interessati all’universo delle quattro ruote; i nuovi allestimenti organizzati dai migliori brand del settore automotive si propongono con le più innovative evoluzioni del design e diverse soluzioni tecniche all’avanguardia.

L’edizione numero 86 si svolge dal 3 al 13 marzo in un unico grande padiglione, il Palaexpo di Ginevra, capace di ospitare un’esposizione estremamente densa di innovazioni interessanti. Le principali riguardano la continua ricerca verso le alimentazioni alternative abbinate ad un buon livello di prestazioni; molto in voga il settore dedicato ai SUV che durante quest’anno si candida ad una grande rinascita in termini di successo e quindi di vendite in diversi mercati. Non mancano i grandi nomi che si sono presentati all’appuntamento con nuovi prototipi e hypercar che sfruttano aerodinamica, materiali ricercati e sofisticati sistemi di propulsione per raggiungere le più alte velocità.

Tra restyling, nuovi concept e veicoli di ogni genere, ecco alcuni tra i modelli più interessanti di questo appuntamento con il Geneva International Motor Show.

Audi Q2

Il primo SUV compatto della gamma proposta dal costruttore tedesco è probabilmente una delle novità più interessanti di questa edizione. Solo 4,19 metri di lunghezza e tante opzioni offerte a bordo sia a livello di connettività che di sicurezza; il pacchetto infotainment comprende la possibilità di collegare il proprio smartphone con una connessione estremamente veloce. Inoltre, è presente un virtual cockpit e l’head-up display che proietta sul parabrezza alcune informazioni come la velocità o i suggerimenti del navigatore. L’Audi Q2 potrà essere ordinata dalla metà di quest’anno e arriverà in Europa nel mese di novembre.

Lamborghini Centenario

Uno dei fiori all’occhiello di tutta l’esposizione è sicuramente il bolide con cui la casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese ha voluto rendere omaggio ai cento anni dalla nascita del proprio fondatore, Ferruccio Lamborghini. La produzione della vettura è ovviamente a numero limitato, infatti sono stati realizzati 20 modelli coupé e 20 roadster. La carrozzeria è interamente composta in fibra di carbonio, così come la monoscocca e le finiture per un peso complessivo di soli 1520 kg. Il propulsore è un potente V12 da 770 CV che risponde perfettamente alle esigenze del potenziale dinamico della vettura. Le prestazioni sono notevoli: da 0 a 100 km/h in 2.8 secondi e velocità massima superiore ai 350 km/h. Il prezzo base è di 1.75 milioni di euro.

Kia Niro

Il crossover compatto della casa automobilistica coreana si lancia nel settore della propulsione alternativa attraverso un sistema ibrido benzina/elettrico che garantisce 146 CV di potenza e consumi di 5,6 litri ogni 100 km. La gestione dell’energia è sicuramente il punto di forza principale di questa vettura, la cui messa sul mercato è prevista entro la fine del 2016.

Ferrari GTC4 Lusso

Non poteva certo mancare il timbro del Cavallino Rampante all’appuntamento con l’esposizione ginevrina. La GTC4 Lusso, l’ultimo gioiello sfornato a Maranello, possiede un propulsore da 12 cilindri che è in grado di garantire fino a 690 CV di potenza. La vettura può considerarsi una più che degna erede della FF e dispone di quattro ruote motrici capaci di farle raggiungere la velocità di 355 km/h. Tra le più grandi innovazioni riguardanti la connettività ci sono sicuramente l’introduzione della plancia Dual Cockpit e del nuovo sistema infotainment composto da uno schermo da 10,25” full HD multi-touch. Il prezzo non è stato ancora definito ma dovrebbe aggirarsi intorno a quelli della FF, qualcosa in più di 260 mila euro.

Skoda Vision S

L’offerta del segmento SUV dell’azienda del gruppo Volkswagen si arricchisce con la Vision S, vettura che predilige il massimo comfort per i suoi passeggeri con delle prestazioni più che soddisfacenti. Nell’abitacolo c’è spazio per sei persone, disposte su tre file di sedili, per garantire un maggiore spazio in larghezza; le finiture sono state migliorate ed anticipano il nuovo corso stilistico di Skoda, ispirato alla “Crystal Art Bohemia”. L’auto è alimentata da un sistema ibrido composto da un 1.4 da 156 CV al quale sono abbinati due motori elettrici, uno anteriore e uno posteriore. I consumi e le emissioni sono estremamente ristretti: circa 1.9 litri per 100 km percorsi e 45 g di CO2 emessi ogni km.

Bugatti Chiron

Una delle candidate a regina del Salone di Ginevra è indubbiamente la Bugatti Chiron, l’auto di serie più veloce al mondo. Questa vettura raccoglie l’eredità lasciata dalla Veyron presentandosi con delle prestazioni sensazionali; è provvista di un motore con quattro turbo a due stadi W16 (sedici cilindri disposti a W), 8 litri di cilindrata, 1500 CV che sprigionano una coppia massima di 1600 Nm per una velocità massima di 420 km/h. Sono state prodotte soltanto 500 unità con un prezzo di partenza fissato a 2.4 milioni di euro.

Toyota C-HR

Il nuovissimo C-HR simboleggia un capitolo epocale in casa Toyota; il produttore giapponese sfodera in quel di Ginevra il suo nuovo crossover compatto che andrà alla fine dell’anno ad affiancare il RAV4 per arricchire l’offerta dei SUV. Il Concept C-HR è alimentato dal sistema Hybrid, tecnologia che soddisfa il piacere di guida nel rispetto dei consumi e delle emissioni. La vettura sarà costruita in Turchia sulla stessa base meccanica utilizzata per la Toyota Prius.

Maserati Levante

Il primo SUV realizzato da Maserati ha suscitato un grande interesse tra i visitatori del Salone di Ginevra. La vettura è disponibile sia diesel che benzina e si presenta con la stessa grinta e prestazioni tipiche della casa del Tridente con un’evidente versatilità per il fuori strada. La entry level, ovvero quella col motore da 3 litri alimentato da 250 CV, costerà intorno ai 73 mila euro mentre il prezzo della versione da 430 CV si aggira sui 91 mila euro. La produzione della Levante è già iniziata nello stabilimento FCA di Mirafiori e aumenterà fino a raggiungere le 120 vetture prodotte al giorno; la commercializzazione inizierà nel mese di maggio nei mercati europei per poi passare alla Cina in estate e agli USA in autunno.



Giuseppe Forte