La Gen Z è traumatizzata dal 2020

E’ ufficiale, il 2020 è l’anno della Crisi della Salute Mentale Giovanile. I membri della Gen Z, tra i 13 e i 23 anni sono stati i più colpiti dalla pandemia di coronavirus e dalle violenze in tutto il mondo secondo lo studio della American Psychological Association, che fa da specchio alla situazione globale.

View this post on Instagram

2020 has been a LOT and it’s felt like one challenge after another. We wanted to check in to make sure you’re coping OK? With Autumn peeking its nose around the corner and new semester stresses being added to our plate of pressures that 2020 has brought with it, you may be feeling overwhelmed at everything that has happened this year. This post is a gentle nudge to remind you to treat your mental health as a priority. Listen to your body and treat yourself with care, compassion, and kindness. It’s been a challenging year and we face more challenges in our daily lives – putting your mental health first will allow yourself to show up and tackle those daily struggles. As the saying goes, you can’t pour from an empty cup. Let’s power through the rest of 2020 together. (Or rest first, then power through – whatever your body is telling you it needs!) Post by Ciara, Rachael and Matthew.

A post shared by Pure Mental (@purementalni) on

La Gen-Z protagonista

Le potenziali conseguenze a lungo termine dello stress persistente e del trauma creato dalla pandemia sono particolarmente gravi per gli individui più giovani, noti come Generazione Z (Gen Z). Il nostro sondaggio del 2020 mostra che gli adolescenti Gen Z (13-17 anni) e gli adulti Gen Z (18-23 anni) stanno affrontando un’incertezza senza precedenti, stanno vivendo uno stress elevato e stanno già segnalando sintomi di depressione.

Se si guarda agli eventi attuali, non sorprende che gli adulti Gen Z riportano le questioni chiave come una fonte significativa di stress nella loro vita, dato che sono cresciuti in gran parte durante periodi di disordini e disordini. In particolare, molti dicono che l’aumento dei tassi di suicidi (62%), diffuse molestie sessuali/ rapporti di aggressione nelle notizie (vale a dire, il movimento #metoo) (58%) o il cambiamento delle leggi sull’aborto (50%) sono una fonte di stress, più della Gen X, boomers e anziani. Le donne adulte della Gen Z sembrano particolarmente afflitte in quanto sono considerevolmente più propense delle loro controparti maschili a notare le molestie sessuali diffuse/rapporti di assalto nelle notizie (67% vs. 47%) o il cambiamento nelle leggi sull’aborto (64% vs. 35%) come fonte di stress.


Gli studenti ed i votanti

La maggior parte dei ragazzi di Gen Z che frequentano la scuola (81%) riferiscono di essere stati colpiti negativamente a causa della chiusura delle scuole a causa della pandemia, come avere meno motivazione per fare i compiti scolastici (52%); avere meno coinvolgimento nello sport, nei club o in altre attività extrascolastiche (49%); sensazione di non aver imparato tanto come negli anni precedenti (47%); o avere difficoltà a concentrarsi sul lavoro scolastico (45%).Inoltre, quasi 8 adulti su 10 Gen Z (79%) dice che il futuro della nazione è una fonte di stress nelle loro vite. E mentre 2 adulti Gen Z su 3 (67%) dicono che le elezioni presidenziali del 2020 sono fonte di stress, solo il 64% dice di voler votare(rispetto al 71% dei millennials, al 79% della Gen X, all’86% dei boomers e al 90% degli adulti anziani che intendono votare).

Lo studio

Ogni anno, l’American Psychological Association (APA) esamina le persone in tutti gli Stati Uniti circa lo stress: le sue fonti, la sua intensità, e come le persone stanno rispondendo a fattori di stress, sia mentalmente che fisicamente. COVID-19 ha avuto un impatto sostanziale sulla vita di tutti gli americani, e continuerà a farlo. Ha interrotto il lavoro, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, l’economia e le relazioni. Nonostante diversi mesi di acclimatazione alla nuova realtà e allo sconvolgimento sociale , gli americani stanno lottando per far fronte alle perturbazioni che ha causato. Quasi 8 adulti su 10 (78%) dicono che la pandemia di coronavirus è una fonte significativa di stress nella loro vita. E, 2 adulti su 3 (67%) dicono di aver sperimentato un aumento dello stress nel corso della pandemia.  Ma alcuni gruppi hanno vissuto un impatto più negativo di altri.



Irene Coltrinari