Da www.forzaroma.info

Italiane in Champions ed Europa League: un turno d’andata poco felice

Una settimana non completamente rose e fiori per le nostre squadre italiane impegnate in Champions ed Europa League. Per una Roma che sorride, c’è un Milan che si mangia le mani, mentre Juventus e Napoli tornano a casa a testa bassa dal viaggio nella penisola iberica. Per Atalanta e Lazio, invece, dovremo aspettare ancora una settimana.

Partiamo proprio dalla gara di Champions League della Juventus. La squadra di Pirlo, reduce da un’infelice sconfitta in campionato contro il Napoli, era chiamata a reagire. L’avversario, il Porto, non era dei più temibili, ma in Europa nulla è scontato. La squadra portoghese è partita a mille e ha dato una vera e propria dimostrazione di calcio alla Juventus. Certo, il primo gol della squadra di casa, arrivato dopo nemmeno un minuto, è nato da un errore in disimpegno di Bentancur, ma non è una scusante, anzi, è un’aggravante. A certi livelli, infatti, questi approcci sbagliati non sono permessi.

La Juve, dal canto suo, dopo la botta iniziale non sembra mai aver dato l’impressione di voler ribaltare il risultato. I problemi di approccio si sono palesati anche a inizio secondo tempo, quando dopo soli 20 secondi la squadra di casa è riuscita a raddoppiare. Solo il gol di Federico Chiesa dà ancora una parvenza di speranza alla Juventus per la partita di ritorno, ma ora la strada è in salita. Risultato finale 2-1 per il Porto e situazione non facile in casa Juve, anche dal punto di vista psicologico.

Da www.sport.virgilio.it

In attesa delle gare di Champions di Atalanta e Lazio, in programma la prossima settimana, passiamo ad analizzare le gare delle italiane in Europa League.

Iniziamo dal Milan, che non va oltre il 2-2 contro la Stella Rossa di Belgrado. La squadra di Pioli approccia alla gara con tante riserve, ovviamente, in vista del derby di domenica contro l’Inter. Una partita in cui il Milan ha creato tanto, si è visto annullare due gol, e che alla fine ha pareggiato per un gol beffardo preso allo scadere. Per i rossoneri a segno solo Theo Hernandez, mentre la rete del vantaggio è stato in realtà un autogol. Serve una scossa agli uomini di Pioli, se vogliono provare a battere l’Inter domenica e a passare il turno di Europa League tra una settimana. 2-2 in trasferta è un buon risultato, ma i tifosi si stanno mangiando le mani.

Roma sul velluto, invece, sul campo del Braga. Una gara condotta in totale tranquillità dalla squadra di Fonseca che chiude praticamente i conti. 2-0 in trasferta e una sfida di ritorno da vivere con più serenità rispetto ai colleghi rossoneri. Da segnalare il ritorno al gol di Edin Dzeko, in un periodo caratterizzato da una serie di frizioni tra lui e Fonseca. Che sia la rete della rinascita per il centravanti bosniaco? La rete del definitivo 2-0 porta la firma di Borja Mayoral, un giocatore che sta convincendo sempre di più nella sua avventura giallorossa.

L’ultima gara europea della settimana per le italiane è quella del Napoli, che è volato in Andalusia per sfidare il Granada. Una sfida che è partita però malissimo per la squadra di Gattuso, che dopo soli 20 minuti si è trovata sotto per due reti a zero. Due gol nel giro di due minuti che hanno messo in ginocchio il Napoli, che non è mai riuscito a entrare in partita e a recuperare. La squadra, c’è da dire, era a pezzi, tanto che Gattuso ha dovuto portare in panchina diversi ragazzi della primavera, ma questa non può essere la giustificazione per una sconfitta così brutta.

Insomma, non una settimana propriamente felice per le nostre squadre italiane in Champions ed Europa League. Juve, Milan e Napoli possono comunque ancora passare il turno, anche se non sarà facile. Per la Roma si prospetta un cammino più in discesa, ma la regola è sempre la stessa: vietato sottovalutare l’avversario.



Marco Nuzzo