Getty

Italia, Raspadori illumina: Nations League obiettivo concreto

Una risposta, un segnale di presenza. Questo ha dato ieri sera, venerdì 23 settembre, la Nazionale italiana di Roberto Mancini. Gli azzurri, protagonisti di una buona partita a San Siro, hanno battuto l’Inghilterra di Southgate e adesso possono sperare di qualificarsi alla Final 4 della UEFA Nations League.

Adnkronos-Roberto Mancini

A questo punto, per ottenere il primo posto del girone della Lega A (composto da Italia, Ungheria, Germania e Inghilterra), diventa cruciale la sfida di lunedì 26 contro l’Ungheria di Marco Rossi, squadra che continua a stupire tutti (1-0 alla Germania nella sfida delle scorse ore).

Italia, Raspadori e un segnale di ottimismo

Dopo la clamorosa esclusione dal Mondiale da campioni d’Europa in carica, ripartire non è semplice, non lo sarà neanche nel breve periodo. Ma un segnale va dato, e l’Italia di Roberto Mancini ha risposto presente. Nuove idee, nuovi volti e un gioco ancora da collaudare, ma qualcosa di positivo c’è.

Getty

In questo senso, nella sfida contro l’Inghilterra, a prendersi la scena non può che essere Giacomo Raspadori, nuovo numero dieci azzurro. Lui era presente alla festa di Wembley nel 2021, era presente nella disfatta contro la Macedonia del Nord a Palermo ed era presente ieri, in una sfida comunque importante. In pochi mesi, l’attaccante oggi al Napoli è passato da riserva a punto di riferimento per una nazionale che ha la necessità di ripartire, e che punta molto sulle sue giocate. Il gol contro l’Inghilterra, tanto bello quanto importante, fa sperare.

L’opportunità Nations League

C’è molto da lavorare e, visto il disastro Mondiale, la Nations League potrebbe diventare quell’obiettivo da centrare in modo da ritrovare la scintilla. I margini per fare bene ci sono, i giovani non mancano e gli esperimenti sono già partiti da tempo nella mente di Roberto Mancini.

Eurosport

Quale sarà il futuro dell’Italia in questa competizione lo sapremo presto, già lunedì sera nella difficile trasferta di Budapest, in cui si andrà a sfidare l’Ungheria di Marco Rossi.



Marco Cavallaro