Intervista a CHOLO: “Favelas è il singolo di debutto con il dj Mickey”

“Favelas” è il singolo di debutto del duo formato dal cantautore CHOLO e dal dj Mickey.

I percorsi musicali dei due artisti si sono incontrati più volte in varie occasioni, nonostante CHOLO canti e scriva prevalentemente musica indie mentre Mickey pop / dance. Dopo aver aperto i concerti di Franco126 e della band Eugenio in Via Di Gioia, CHOLO ha accettato l’invito di Mickey di iniziare un nuovo progetto insieme con l’obiettivo di rinnovarsi musicalmente e di creare un sound fresco, riconoscibile e coerente con i rispettivi percorsi artistici.

Il brano, prodotto dai producer multiplatino Soulker e JARO e scritto da CHOLO, Mickey e Noemi Fiorà, unisce il ritmo tropicale del reggaeton, il flow della trap e il basso delle produzioni della musica house. Il testo, con le sue rime, gioca tra il reale e il virtuale, tra il vero e il falso raccontando una società dove tutto si basa sulla superficialità.

Quando è nata la tua passione per la musica?
Ciao a tutti! La passione per la musica c’è sempre stata, in diverse forme. Sono sempre stato una persona con molta musicalità. Da bambino volevo suonare la chitarra e iniziai a circa 9 anni, da autodidatta. Poi, a 17 anni ho iniziato a fare il vocalist nei club abruzzesi; solo lì ho capito veramente che avrei voluto lavorare nella musica. Fare il vocalist mi ha permesso non solo di riavvicinarmi ad essa, ma soprattutto di migliorare il mio ascolto e di conseguenza avere una consapevolezza maggiore dei suoni e della mia personalità.

FAVELAS è il tuo singolo d’esordio. Raccontaci com’è nato e qual è il suo messaggio?


FAVELAS nasce durante il primo lockdown, nel momento in cui viene sancita la chiusura dei locali. Mickey, immaginando che la situazione potesse proseguire a lungo, mi ha contattato per creare un nuovo percorso musicale insieme. Da lì, è iniziato tutto un lavoro di programmazione tramite videochiamate quotidiane. Piano piano, con tanta passione, dedizione e curiosità, abbiamo scoperto che dietro la musica c’è un mondo, di cui prima non eravamo assolutamente a conoscenza. FAVELAS mischia le sonorità che più ci hanno caratterizzato durante gli anni delle serate nei locali (reggaeton, trap, house). Nel complesso, lo stile che vogliamo portare si può definire “hard reggaeton” proprio per la presenza dei generi citati precedentemente. Il brano racconta una delusione d’amore dove il protagonista si perde nell’alcol per cercare di smaltirla ritornello dopo ritornello. Così come il protagonista, anche le strofe diventano via via sempre più allegre e scherzose. Il testo però, nasconde anche un significato allegorico. Il brano vuole infatti rappresentare una realtà ormai diffusa nella società odierna, la superficialità.

Quali sono i generi e gli artisti di riferimento?
In realtà non ho un vero riferimento musicale, soprattutto in questo momento. Ho sempre ascoltato la musica a 360 gradi. Vogliamo essere riconoscibili, distintivi e freschi!

Com’è nato il rapporto con Dj Mickey?
La conoscenza con Michele (Mickey), per il quale provo molta stima da sempre, è arrivata all’interno del liceo. Durante un’assemblea d’istituto di qualche anno fa, il vocalist che sarebbe dovuto venire per la festa di Natale non si presentò. Così Michele, avendo bisogno di un sostituto, scese in palestra chiedendomi casualmente se volessi farlo io. Senza pensarci due volte, accettai e così per la prima volta presi in mano un microfono!

In cosa vi compensate e in cosa siete proprio diversi?
Bella domanda, io e Michele siamo due persone completamente diverse. Io sono molto più espansivo, Mickey invece è più introverso. Entrambi però, abbiamo delle qualità particolari che ci permettono di confrontarci sempre nel migliore dei modi per prendere le giuste decisioni. Negli anni, abbiamo lavorato in modo diverso nello stesso settore; io curando più l’immagine, mentre Michele lavorando più sui dettagli professionali. Musicalmente parlando invece, siamo entrambi grandi ascoltatori a cui piace riflettere su ogni dettaglio. Per questo, sul lavoro riusciamo a compensarci molto bene, consapevoli dei nostri limiti e riuscendo a far emergere le nostre skills migliori. CHOLO è un artista che senza Mickey non esisterebbe!

Cosa c’è in programma per i prossimi mesi? 


Per i prossimi mesi abbiamo molti brani su cui c’è ancora tanto lavoro da fare, sia per la produzione che per il marketing. Sicuramente continueremo a lavorare con JARO (produttore di Shade) e con altri produttori internazionali. In questo momento, però, vogliamo impegnarci al massimo per questa prima uscita musicale. La voglia è quella di farci conoscere il più possibile, facendo divertire e sorridere le persone.



Sandy Sciuto