@yoox.com

Il Principe Carlo è il nuovo re della moda sostenibile con una collezione per Yoox

Immerso in 2.000 acri di campagna scozzese si scorge Dumfries House, una tenuta del XVIII secolo con un giardino che sembra lo sfondo perfetto per una storia d’amore di un’eroina della Austen. È stata la casa per generazioni di conti, ma ultimamente ha ospitato un gruppo di inquilini molto diverso: studenti del Politecnico di Milano, facoltà di architettura, design e ingegneria in Italia. Il motivo è un progetto molto particolare.

C’è chi per il suo compleanno si regala un libro, chi come il Principe Carlo decide di investire nella sostenibilità e l’artigianato sartoriale. Lo fa lanciando una collaborazione con Yoox net-a-porter e la The Prince’s Foundation attraverso una collezione di luxury ready-to-wear uomo e donna composta da diciotto capi. 

La capsule, dal nome Yoox net-a-porter for The Prince’s Foundation, è il risultato del progetto The Modern Artisan, una partnership unica nel suo genere che mira a rafforzare le competenze sartoriali e a formare professionalmente gli apprendisti artigiani nel Regno Unito e in Italia.

Le menti dietro il progetto vogliono sostenere la tradizione dell’artigianato in entrambi i paesi. “Una volta che i nostri artigiani hanno queste capacità, le hanno per la vita”, dice Farrell.

The Modern Artisan ha preso forma grazie al lavoro di dieci studenti: sei designer italiani, che hanno progettato la collezione nei laboratori del Politecnico di Milano, e quattro giovani artigiani inglesi che hanno curato la realizzazione di ogni capo.

“Sono rimasto enormemente impressionato dagli sforzi, dalle idee e dalla visione mostrata dagli artigiani del Regno Unito e dell’Italia. Spero che conservino da questa esperienza un bagaglio di conoscenze e che abbiano capito come un approccio sostenibile alla progettazione e alla produzione possano essere utili e applicabili alle loro imprese o alle loro carriere future. La chiave per me – ha detto il principe di Galles che da sempre è impegnato sul tema della sostenibilità – è riscoprire l’importanza che la natura riveste, capire da dove provengono i materiali naturali e come possono essere utilizzati in modo sorprendente e innovativo. Dopo tutto, la natura è la fonte di tutto”.

La progettazione della collezione è avvenuta durante il 500° anno dell’anniversario della morte di Leonardo da Vinci. A lui, in quanto simbolo dell’unione tra arte e scienza, si ispirano le linee formali e semplici dei capi, arricchiti dall’inconfondibile tema dei nodi vinciani. Pieghe, punto smock e dettagli di derivazione architettonica, sono una altro tributo al genio quattrocentesco e ai suoi studi sul drappeggio. 18 pezzi esclusivi realizzati a mano utilizzando materiali naturali e organici di alta qualità, provenienti da fornitori selezionati secondo princìpi sostenibili. Nessun filato sintetico, ma solo cashmere e lana di origine scozzese, e seta ecologica made in Italy derivante da filiera completamente tracciabile.

I capi saranno commercializzati e venduti  su tutte e quattro le piattaforme del gruppo (Yoox, Net-a-porter, Mr Porter e The Outnet) in occasione del suo ventesimo anniversario.



Claudia Ruiz