Grenoble, le favole raccontate dai distributori automatici

In #CulturalMente by Alice SpotoLeave a Comment

A chi non è mai capitato di non saper come ammazzare il tempo durante quelle noiose e interminabili attese, ad esempio alle poste oppure aspettando la metropolitana.

Per ovviare a tutto ciò, Eric Piolle sindaco di Grenoble, cittadina nel sud della Francia, in collaborazione con la casa editrice startup Short Edition, ha promosso l’installazione di otto distributori di storie che hanno la funzione di tenere compagnia a chiunque si trovi ad aspettare il proprio turno di fronte al municipio, all’ufficio turistico, in alcune librerie e nei centri sociali.

In questi casi si può sempre ricorrere allo smartphone, ma volete davvero privarvi dell’emozione che solo una bella storia veloce e stampata su carta può regalarvi? Lo scopo è proprio questo: cercare di diffondere la letteratura popolare, e di sollevare dalla tristezza della digitazione.

distriGrazie all’iniziativa, completamente gratuita, adesso per leggere una breve storia basterà premere un tasto e selezionare in base al tempo di attesa la lunghezza del racconto. Non è possibile però scegliere il tipo di storia o l’autore, donando così il gusto della sorpresa.

Il formato più piccolo disponibile è quello da tre minuti: un racconto stampato su un foglietto largo otto centimetri e lungo 60, un po più grande di uno scontrino. Il racconto da cinque minuti, il più lungo, invece misura quasi il doppio.

“L’idea è nata quando eravamo di fronte a un distributore di barrette di cioccolata e bevande. Ci siamo detti che avremmo potuto fare lo stesso distribuendo storie, per riempire i momenti d’attesa con la cultura”, spiega Christophe Sibieude, il cofondatore e presidente della startup.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti mi piace a Social Up!

About the Author
Alice Spoto

Alice Spoto

Facebook Instagram

Classe 1992. Nata in Svizzera e tornata nella sua Sicilia in tenera età, negli anni dell'università sceglie Catania come la città più affine al suo spirito contraddittorio. Laureata in Beni Culturali, ha scelto di continuare gli studi nel campo della comunicazione per poter approdare a tutti gli affetti nel campo del giornalismo culturale. Emotiva e lunatica, attualmente scrive sul web di arte, cultura e musica, attendendo di trovare il fegato di completare il suo romanzo nel cassetto (della biancheria).

Loading...