“Grace & Frankie” tornano a gennaio 2018 e garantiscono tante risate!

In SPETTACOLO by Sandy SciutoLeave a Comment

Non una serie qualunque ma la sit com più divertente ed esilarante di Netflix torna con la quarta stagione il 19 gennaio 2018. Parliamo di “Grace & Frankie” che in questi anni ha guadagnato numerose candidature ossia 7 Emmy, un Golden Globe e a un SAG e si è fiduciosi che la quarta stagione sarà la volta buona per vincere!

Del resto la sit com è un gioiellino fatto di bravura, bellezza e risate garantite da talentuosi attori, intreccio narrativo sorprendente e una sottile ironia onnipresente e mai volgare.

Le nostre Grace e Frankie – rispettivamente Jane Fonda e Lily Tomlin – si ritrovano single a settant’anni dopo l’inattesa e inaspettata notizia ricevuta dai loro mariti. I due legati per affari da oltre vent’anni si son scoperti innamorati e pronti a cambiare la loro vita per sposarsi e vivere il loro amore senza più freni e allo scoperto. Se in un primo tempo la notizia devasta Grace e Frankie per aspetti e profili diversi dettati anche dalle diverse personalità, l’essere rimaste insieme vicine e forti ad affrontare una tale rivoluzione nella loro vita, in un secondo momento le ha rese coraggiose e pronte a nuove avventure…e che avventure!

Nell’arco delle tre stagioni Grace e Frankie attraversano i vari stadi dopo la fine di un amore: il lutto, il rancore, l’indifferenza e poi la serenità. Entrambe – più Grace che Frankie – ricominciano a frequentare uomini scoprendo che a settant’anni c’è ancora tanto da imparare sugli uomini, su sé stesse e sul sesso. Ritrovano la gioia e un’armonia con la vita come se avessero trent’anni e, in questa voglia travolgente di non fermarsi, decidono anche di avviare un’attività imprenditoriale.

Le loro vite sono indissolubilmente unite dall’amicizia e dalla voglia di condividere le risate, il lavoro e le vicende dei loro figli, divisi tra lavoro e relazioni più o meno stabili e durature. Nel frattempo gli ex mariti consolidano il loro rapporto non senza diatribe o scelte da dover prendere.

Per la quarta stagione che torna il 19 gennaio 2018 su Netflix come da indiscrezioni ci sarà una new entry come Lisa Kudrow (per intenderci la Phoebe Buffay di Friends) che vestirà i panni di Sheree, esperta di manicure, che legherà particolarmente con Grace, mettendo a rischio il rapporto tra quest’ultima e Frankie.

L’ideatrice e sceneggiatrice Marta Kauffman, inoltre, ha fatto sapere che la quarta stagione sarà incentrata su “due donne costrette a scendere a patti con la loro età, con la loro vecchiaia, con i loro corpi, con il loro spirito e con quello che comporta per loro un cambiamento del genere, il significato che può assumere nella loro vita”. Ma come ha dichiarato June Diane Raphael (Brianna nella serie) ci sarà spazio per la vita amorosa di Brianna, delle complicazioni intriganti con Grace e Mallory (Brooklyn Decker) affronterà il divorzio.

Ciò che piace più di tutto è il racconto della forza di queste donne, non più giovanissime, che perdono tutte le certezze conquistate e passo dopo passo ricostruiscono il loro mondo, la loro felicità e il loro futuro, seppur strano da dirsi. E mentre lottano per stare meglio, si aiutano vicendevolmente: l’una dà all’altra un po’ di sé e viceversa fortificandosi e unendosi. In fondo è questo il bello dell’essere donne: a qualunque età non arrendersi mai e scommettere sempre su sé stesse.

Non vediamo l’ora che arrivi il 2018 perché Grace & Frankie ci mancano tantissimo! Nell’attesa, però, chi non ha ancora avuto piacere di conoscerle può approfittarne! Parola di Social Up non ve ne pentirete!

Buona visione!

About the Author
Sandy Sciuto

Sandy Sciuto

Facebook Twitter Instagram LinkedIn

Praticante Avvocato del Foro di Catania. Nata il 4 marzo come Lucio Dalla e mancina come Mozart, Steve Jobs e Leonardo Da Vinci. Amante del bello e della mia Sicilia che non smetto mai di scoprire e di fotografare. Sono una serie tv dipendente e una cinefila dell’ultim’ora. Divoro libri da quando lessi “Storia di una capinera” durante l’estate del ’97 e, ad oggi, preferisco Pirandello e Camilleri a qualsiasi storia su maghi, draghi o roba simile.