“Figli di Nessuno”: l’inizio del tour per Fabrizio Moro è standing ovation di emozioni

Finalmente Fabrizio Moro è tornato. Non vedevamo l’ora di poterlo gridare al mondo e potervi raccontare quanto immenso sia oggi, come quando intonò la sua prima nota anni e anni or sono. Dopo mesi passati a promuovere il proprio album “Figli di Nessuno” in giro per l’Italia, il vincitore di Sanremo riprende in mano il microfono per far cantare l’intera penisola.

L’album, che ha visto la luce per la prima volta lo scorso dodici aprile, si è rivelato un’ennesima conferma della sua capacità da cantautore di trasmettere intensi messaggi e scavare nella profonda intimità di chi lo ascolta.

Una persona che racconta i suoi testi, accompagnando poesie a note; che trasmette messaggi socialmente importanti e non si lascia abbattere dalla brutalità del mondo a cui ormai siamo abituati. Un sognatore con gli occhi rivolti al cielo ma coi piedi sempre inchiodati per terra, ci permettiamo di definirlo. Lui, che con la sua necessità quasi impellente di comunicare al mondo di non arrendersi, di lottare contro le ingiustizie e di provare a fare sempre meglio, avendo fede nelle proprie azioni e in quelle degli altri, sembra intonare mantra ad ogni ritornello come una guida spirituale. Eppure, è umano, esattamente come noi, nonostante sembri impossibile anche solo pensarlo.

Ciononostante, sembra sia riuscito a trovare la chiave di lettura a tantissime domande che tutt’ora noi ci poniamo. Come se fosse già a conoscenza di qualcosa di realmente importante e, per questo motivo, riesce a collocare tutto al posto giusto, posizionando ogni lembo e facendolo combaciare perfettamente con un altro. Un “Fabrizio De Andrè dei giorni nostri”, che è in grado di creare e ricreare magia pura ad ogni nota.

Dopo le tre anteprime colossali di Roma e Milano nei palazzetti dello Sport, finalmente il cantautore romano si dirigerà nei maggiori teatri d’Italia per portare in giro la propria poesia, rivestita di musica, fino alla fine di questo 2019 e inizio 2020. Nella scaletta, oltre i brani inseriti nel suo ultimo album “Figli di Nessuno“, sono presenti anche testi che l’hanno reso indimenticabile nei cuori di tantissimi. Canzoni come “Non mi avete fatto niente”, “Libero” e “Pensa”, sono solo alcuni dei brani passati scelti per trasmettere ancora oggi il desiderio del giovane romano di condividere la sua voglia di sorridere e dare sempre il massimo, esattamente come sta facendo in ogni data di questo tour.

La tournée teatrale è iniziata il 7 novembre da Catania, dove lo showman ha riproposto l’evento ieri, 11 novembre, sempre al Teatro Metropolitan. Ad accompagnarlo sul palco, ci sono gli immancabili amici e componenti della band: Alessandro Inolti alla batteria, Andrea Ra al basso, Roberto Maccaroni alla chitarra e Claudio Junior Bielli alle tastiere. In più, per quest’anno, è già stata confermata la presenza di un sassofonista, come ha annunciato lo stesso Fabrizio Moro.

Niente di più, essenziale al punto giusto da renderlo perfetto. Come sei amici che suonano nel salotto di casa qualcosa che sia in grado di renderli appassionatamente vivi. Ed è proprio in questo capoluogo etneo che vediamo riproporre la magia che abbiamo lasciato l’anno scorso: pura, emozionante ed indimenticabile.

Scaletta “Figli di Nessuno” Tour

  1. Quasi
  2. Arresto cardiaco
  3. Tutto quello che volevi
  4. Figli di nessuno
  5. La felicità
  6. Per me
  7. Tu
  8. Alessandra sarà sempre più bella
  9. Eppure mi hai cambiato la vita
  10. Non mi avete fatto niente
  11. Ho bisogno di credere
  12. Giocattoli
  13. 21 anni
  14. Sangue nelle vene
  15. Come te
  16. Sono solo parole
  17. Quando ti stringo forte
  18. Libero
  19. L’essenza
  20. Sono come sono
  21. Da una sola parte
  22. Me ‘nnamoravo de te
  23. Pensa
  24. L’eternità
  25. Portami via
  26. Parole, rumori e giorni
  27. Non mi sta bene niente
  28. Filo d’erba
  29. Pace

A questo punto, non ci resta che darvi il consiglio spassionato. Fatevi un dono per questo Natale e regalatevi un appuntamento (già sold out in diverse date) tra amanti delle stesse profonde emozioni. Per chi canta sul palco e chi intona sotto di lui, la magia sarà straordinaria.



Alessia Cavallaro