Da www.ermesverona.it

Fedez e il “suo” 2020: un anno di tormentoni e grandi successi

Alzi la mano chi non conosce Chiara Ferragni. Beh, ovviamente le vostre mani sono tutte abbassate. Chiara, ormai, è la influencer più famosa del mondo e, con lei, anche suo marito Federico Lucia, in arte Fedez, ha acquistato una certa popolarità.

Non è giusto subordinare la figura del rapper milanese a quella della moglie, ma è indubbio che, dall’inizio della loro relazione, anche in termini di followers Fedez ha compiuto un bel passo in avanti. Nel panorama musicale italiano, infatti, Fedez è probabilmente l’unico a toccare quota 11 milioni di seguaci su Instagram.

Il lavoro principale di Fedez, come dicevamo, è la musica, il rap. Ora ha 30 anni, ma la sua carriera è iniziata nel 2006, quando ne aveva solamente 17. Ed ecco che da allora non si è più fermato, e ha ottenuto una sempre maggiore popolarità tra gli appassionati del genere.

Come tutti gli artisti, poi, Fedez si è evoluto, prendendo una svolta più “pop” che a molti non è andata giù. Si veda l’album con J-Ax, “Comunisti col rolex”, oppure il successivo, “Paranoia Airlines”, le cui critiche non sono state propriamente positive.

Ma ecco che il 2020 ha rappresentato una sorta di anno di svolta per Fedez, il quale ha pubblicato diversi singoli che sono subito diventati dei tormentoni alla radio. Il caso più emblematico, oltre a “Le feste di Pablo” con Cara e “Bimbi per strada” è sicuramente rappresentato dall’ultima canzone, “Bella storia”.

L’ultimo brano di Fedez, piaccia o no, ha un grande, grandissimo pregio: entra in testa e non va più via. Se vi capita di ascoltarlo, state certi che passerete tutta la vostra giornata a canticchiare “possiamo fare bella storia, bella storia, bella storia”. La canzone è orecchiabilissima e c’è da dire, per chi l’ha visto, che anche il video non è affatto male. La prima posizione raggiunta (per qualche giorno) nelle tendenze di YouTube ne è la prova.

I protagonisti del video sono, neanche a dirlo, lo stesso Fedez e Chiara Ferragni. L’atmosfera mescola un mood anni ‘80 con colori ambientazioni futuristiche, e il risultato è una bomba.

Uno screenshot del videoclip. Da www.tpi.it

Anche con il suo singolo precedente ha fatto parlare tantissimo di sé. Scrivendo una canzone, “Bimbi per strada”, sopra la base del compianto Robert Miles, ha diviso in due il pubblico. Da un lato, infatti, troviamo coloro che considerano coraggiosa la scelta di Fedez, soprattutto in relazione alla prematura scomparsa del dj, quasi come fosse un omaggio. Dall’altra parte, invece, tutti quelli che ritengono che il rapper abbia rovinato la base musicale cantandoci sopra.

Insomma, in qualunque caso è finito sulle bocche degli appassionati di musica!



Marco Nuzzo