Da X Factor a Un minuto d’arte: Daniela Collu è al suo secondo libro!

È un periodo d’oro per Daniela Collu, meglio conosciuta sui social come stazzitta.

Trentottenne, con oltre duecentomila followers su Instagram, Daniela Collu è stata la conduttrice di Xfactor in sostituzione di Alessandro Cattelan positivo al Covid nelle ultime puntate, è il volto di HotFactor, è speaker per Rtl 102.5 tutte le mattine e da qualche settimana è anche in libreria con il suo secondo libro dal titolo: “Un minuto d’arte, (60 capolavori per riscoprire il piacere dell’arte senza filtri, senza soggezione e con uno sguardo libero. Il tuo)”, per Vallardi Editore.

Il libro è una trasposizione di ciò che accade sui social della conduttrice da anni. Forte della sua Laurea in Storia dell’arte, Daniela Collu ha iniziato a centellinare nozioni su monumenti, quadri e artisti ogni volta che si presentava l’occasione, creando una vera e propria rubrica dal titolo #unminutodarte, cancelletto come hastag incluso.

La formula è semplice: la Collu per un minuto parla di arte sulla base delle sue conoscenze snocciolando e mescolando insegnamenti universitari e curiosità.

Un minuto d’arte. 60 capolavori per riscoprire il piacere dell’arte senza filtri, senza soggezione, e con uno sguardo libero. Il tuo

Il libro è alla sua seconda ristampa in meno di dieci giorni dall’uscita, segno che nonostante il mondo dell’editoria sia in crisi, dove l’estro creativo e una buona idea si incontrano può nascere un successo editoriale.

La Collu presenta 60 opere d’arte tra le più famose. Il libro, che si avvale di una copertina realizzata da Maurzio Cattelan, è stato scritto durante il primo lockdown quando la Collu, come tutti, si trovava nella sua casa di Milano senza libri da cui attingere, ma munita solo di Internet e del suo bagaglio di conoscenze personali.

Come precisa nella prefazione (che vi si invita caldamente a leggere), il libro non ha l’intento di essere un manuale di storia dell’arte o di sostituirsi a questo. Per Daniela Collu è solo un modo per parlare di arte in una chiave leggera, vivace e inedita, ma calzante per il 2020 con fine ultimo di far imparare qualcosa a chi lo legge.

Non c’è da meravigliarsi se con un linguaggio per niente aulico o consono ad un’opera d’arte troverete descrizioni di opere d’arte fatte con molta ironia e con paragoni con vip e star contemporanei. E’ proprio l’uso di questo linguaggio che ha il potere di far rimanere impressa l’opera e l’aneddoto.

È il metodo Collu per il suo minuto d’arte.

La grande forza del libro, infatti, sta proprio nel tornare a parlare di arte in modo non convenzionale e con un liguaggio accessibile a tutti. La grande pecca del libro è che, a parte qualche curiosità e aneddoto sconosciuti, diviene una lettura statica. Si ha l’impressione che la Collu parli sì di qualcosa che conosce, ma solo accennandola, senza attraversarla mai. Il dubbio se l’arte merita di non essere attraversata, purchè se ne parli, resta.

Buona lettura!



Sandy Sciuto