Come trattare con una Milf e non uscirne sconfitti

redazione

In EXPERIENCE / redazione / Leave a Comment

Da quando è sbarcato American Pie, abbiamo imparato una piccola parola MILF. Prima d’allora pensavamo solo che Peacey avesse avuto un culo della Madonna (la cantante) a scoparsi la sua prof. Mica dicevamo Milf (anche perché mi sa che Tamara non aveva figli, era solo una tardona). Oggi invece è un tripudio di MILF, soprattutto su Youporn. La Milf è un’esperienza che va fatta, prima o poi nella vita, ma va anche gestita ammodo (sì, “ammodo” tutto attaccato esiste). Ecco alcuni consigli per sopravvivere.

Non è una storia
Non presentatevi gli amici, non uscite davvero, non metteteci di mezzo il cuore. Non si fa.  È un divertimento vostro, che non ha bisogno di testimento né di storiografia. Perché da fuori siete ridicoli, mi dispiace dirvelo. Non siete una coppia, siete due persone che stanno scopando. Concentratevi su questo.

Pari diritti
Dirà qualcuno “perché esistono le MILF e non esistono i DILF?”. Certo che esistono! Si chiamano “uomini stronzi che vanno con le ragazzine per qualcosa di diverso, dicono che lasceranno la moglie ma non lo faranno mai”. Esistono da sempre e metà dei cuori femminili mondiali sono stati infranti da loro. Io stesso diventerò uno di loro. Datemi solo una quindicina d’anni, una moglie e due figli.

Tassonomia
Nella mia vita ho avuto tre esperienze milfiche, quindi per la mia esperienza esistono tre tipi di Milf (appena ne arriva un’altra, aggiorno la lista):

  •  ci sono quelle ganze che vogliono farsi scopate allegre e divertirsi a trattarvi da puttanelle
  • ci sono le pazze per cui l’età non ha importanza e voi siete al loro livello. Non vanno con ragazzini, vanno con loro coetanei mentali e voi siete loro coetanei. Triste ma vero.
  • ci sono le annoiate, quelle in crisi, a cui fa piacere sfoggiare uno spasimante giovane. Amano flirtare  per non pensare al marito puttaniere e però non ve la daranno mai, ma manco per scherzo.

Ve lo devo dire? Evitate le ultime due categorie come la morte.

Siate inferiori
O meglio: siate inferiori. Non cercate nemmeno un attimo di dimostrarvi alla sua altezza, sembrerete ridicoli. Accettate che vi state accompagnando con una donna più intelligente, più furba e spesso più figa di voi. Godetevela finchè dura.

Tempi
Nella seduzione: non fatela troppo lunga. Se dovete stare dietro a una che se la tira, sceglietevela dieci anni più giovane. Il bello della Milf dovrebbe essere l’assenza di menate. Oltre un mese, rischiate di esservi beccati una della terza tipologia, quella che non ve la darà mai. Nel rapporto, fate attenzione. Il rapporto dovrebbe essere abbastanza duraturo perché si impari a scopare da dio crei “alchimia”, ma non troppo per non combinare casini. Qualche mese mi sembra abbastanza.

Puttane
Oh sì, siete puttane e sarete trattati da puttane. Io ho beccato alcune cene giapponesi, alcune ricariche telefoniche (senza neanche dovermi spogliare in cam) e pompini lunghi un secondo tempo di finale degli Europei (io, quando Thiago Motta si infortunava, sorridevo). Semplicemente, lei ha più soldi. Lasciatevi viziare. Non azzardatevi a fare gli uomini (punto “siate inferiori”). Siate galanti e tutto andrà bene.

Sesso
Ve la giocate qui. Il sesso è l’unico motivo della vostra esistenza. Siete giovani, cazzo! Ok, prendete la vostra età. Calcolate 30 meno la vostra età. Quello è il numero di volte che ve la dovete scopare ogni notte. Voi dovete essere il sorriso sulle sue labbra quando dice “i giovani d’oggi”.

Preservativi
Sempre. Punto.

Figli a carico
Quasi dimenticavo: una Milf è tale perché nella sua vita ha sfornato dei figli e verosimilmente se ne sta ancora prendendo cura. Lei. Il vostro rapporto coi suoi figli può comprendere le seguenti cose: saperne il nome, l’età e la classe scolastica frequentata. Punto. Non dovete conoscerli, non dovete vederli da lontano, non potete neanche commentare le loro foto su Facebook. Perché? Perché non si fa, cazzo. Un minimo di stile, buongusto ed eleganza lo vogliamo mantenere? Che problemi avete? No, davvero. Immaginatevi un momento della vostra infanzia che comprenda vostra madre che vi presenta un giovanotto e dice “questo è un amico della mamma”. Cosa pensereste adesso di quell’amico della mamma? Appunto.