Beyoncé, sex symbol più amata degli ultimi tempi #Copiaillook

Questa settimana la rubrica #Copiaillook vuole omaggiare una delle star più amate e invidiate a livello mondiale, la bellissima Beyoncé.

Beyoncé Giselle Knowles-Carter è nata il 4 settembre 1981 a Houston e ad oggi può definirsi una cantante, ballerina, attrice e imprenditrice di successo. Da bambina, ammette lei stessa, era molto timida e riuscì quindi a sbloccarsi solo quando cominciò ad interessarsi al canto partecipando ad alcune competizioni scolastiche. Assieme alla cugina, Kelly Rowland, Beyoncé fondò un gruppo musicale, chiamato Girl’s Tyme composto da quattro ragazze. Il padre di Beyoncé, Matthew Knowles, convinto della bravura e delle capacità delle ragazze, decise di diventare il loro produttore, manager e mentore musicale. Da questo momento rinominarono il gruppo Destiny’s Child (Figlie del destino) che all’epoca era composto da Beyoncé, Kelly Rowland, LaTavia Robertson e LeToya Luckett.

Dopo aver firmato un contratto per la Columbia Records, nel 1997, il gruppo è apparso nella colonna sonora del film Men in black con il brano Killing time, ma il singolo che le ha sicuramente lanciate nel mondo dello spettacolo è No, No, No. Il brano divenne subito un successo scalando le classifiche R & B e Hip Hop degli Stati Uniti. Le Destiny’s continuarono a produrre una hit dopo l’altra e con Say my name vinsero il Grammy Awards per la miglior canzone R & B e miglior performance R & B. Nel 2001, mentre con le Destiny’s Child completava Survivor, Beyoncé entrò nel mondo cinematografico partecipando come attrice protagonista al film televisivo di MTV, Carmen: A Hip Hopera mentre l’anno seguente, recitò insieme a Mike Myers nella commedia Austin Powers in Goldmember nel ruolo di Foxxy Cleopatra.

Già durante gli ultimi anni con le Destiny’s Child, la cantante aveva cominciato a fare delle apparizioni da solista. Fece un duetto con Marc Nelson, della stessa casa discografica, con la canzone After All Is Said and Done come colonna sonora del film 1999 The Best Man. Lo stesso anno, Beyoncé duettò con Jay-Z nel singolo ’03 Bonnie & Clyde. Seguendo le orme delle compagne Rowland e Williams, decise di pubblicare il suo primo album da solista: Dangerously in Love nel 2003. L’album debuttò alla prima posizione della Billboard 200, è stato certificato quattro volte disco di platino e ha vinto cinque Grammy Awards. I suoi brani più famosi furono i duetti Crazy in Love con Jay-Z e Baby boy con Sean Paul. Il 29 novembre 2003, a Città del Capo, partecipò al concerto 46664 Nelson Mandela AIDS Day Concert duettando con artisti del calibro di Anastacia e Bono.

Nel marzo 2006, le Destiny’s Child furono onorate con una stella della Hollywood Walk of Fame e furono anche riconosciute come il “Gruppo femminile con più vendite mondiali di tutti i tempi”. Nel 2005, dopo vari cambiamenti dei membri del gruppo e dopo tanti brani di successo, il gruppo annuncia lo scioglimento. Beyoncé partecipò al film La Pantera Rosa recitando la parte di Xania, una pop-star internazionale. Pubblico poi un secondo album da solista che ebbe un discreto successo B’DAY.

I am….Sasha Fierce pubblicato nel 2008, è uno degli album più famosi della cantante. I due brani di debutto dell’album sono stati If I Were a Boy e Single Ladies (Put a Ring on It), il secondo brano è diventato il suo singolo più venduto negli Stati Uniti d’America con una vendita pari a oltre 5.000.000 download digitali. Nel 2011 pubblica il suo quarto album, intitolato per l’appunto 4, mentre nel 2013 pubblica il suo ultimo album BEYONCÉ.

Beyonce the DAMN tour
Credit: Beyonce.com

Dal 2002 Beyoncé ha una relazione con il rapper Jay-Z, con il quale ha spesso collaborato artisticamente. Il 4 aprile 2008 Beyoncé e Jay-Z sono convolati a nozze a New York. La notizia divenne pubblica il 22 aprile 2008, ma Beyoncé non ne parlò mai pubblicmente, almeno fino al concerto Fashion Rocks del 5 settembre 2008 svoltosi a New York.

Il 28 agosto 2011, in occasione della 28a edizione degli MTV Video Music Awards, Beyoncé accarezzandosi la pancia, prima sul tappeto rosso e più tardi alla fine della sua esibizione, fece capire di essere incinta. The Huffington Post il giorno seguente ha confermato che si trovava già al quinto mese di gravidanza e che la notizia aveva infranto il record di Twitter per “il maggior numero di tweets per secondo registrati per un unico evento”, con 8.868 tweets al secondo, record battuto soltanto dall’esibizione di Madonna al Super Bowl XLVI 2012.

La bambina, Blue Ivy Carter, è nata nella notte di sabato 7 gennaio 2012 al Lenox Hill Hospital di New York. Lo stesso giorno Jay-Z pubblica “Glory” una canzone dedicata alla figlia, nel quale rivela anche gli ostacoli che la coppia ha dovuto superare in questi anni per avere un bambino, tra cui un aborto spontaneo.

La cantante ha lavorato come modella per l’Oréal e dichiara di voler fare anche l’attrice girando un film all’anno e registrando un album discografico ogni due. Il suo sogno è vincere un giorno l’Oscar. I suoi idoli sono Steve Wonder e Wyclef Jean, il suo piatto preferito è il pollo fritto e guida una Jaguar. I suoi look sono sempre colorati, audaci e con uno stile inconfondibile mentre i suoi tagli di capelli hanno ispirato la moda del momento come quando portava il caschetto biondo qualche anno fa. È proprio a quel periodo che ci siamo voluti ispirare e soprattutto all’outfit indossato nel video del suo celebre brano XO.

 



Dalia Smaranda