A caccia del record: il luogo più veloce della Terra

In #Focus, #Reportage, MONDO, SPORT, TECH by Giuseppe ForteLeave a Comment

La fotografa di Amburgo Alexandra Lier, appassionata di auto da corsa e soprattutto del brivido della velocità, ci porta nell’affascinante Bonneville Salt Flats, una vastissima pianura situata nel nord-ovest dello stato americano dell’Utah.

Una consistente distesa di sale ricopre la superficie di circa 260 chilometri quadrati e fa da cornice ad un’atmosfera suggestiva, oltre che ricca di storia. A partire dagli anni ’50 infatti, la Bonneville Speedway, ricavata all’interno di questo vero e proprio deserto salato, è diventata la pista ideale per andare alla ricerca del limite.

Un luogo leggendario nel quale ben presto fanno apparizione vistose evoluzioni aerodinamiche e i primi veicoli alimentati da motori a reazione. E’ uno di questi, il Blue Flame, ad abbattere per primo la barriera dei 1000 chilometri orari sulla distanza di un miglio nel 1970.

Ogni anno, appassionati provenienti da tutte le parti del mondo si cimentano nell’eroico tentativo di scrivere il proprio nome sul libro dei record con i vari hot rod, streamliner, roadster e motociclette di tutti i generi. Con le immagini che vi proponiamo, la fotografa vuole rendere omaggio alle vecchie corse dell’era della combustione interna e del combustibile fossile; diapositive che testimoniano la passione di chi non può far a meno dell’odore della benzina e del rombo dei motori.

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE__880

Una streamliner aggressiva

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE2__880

L’auto da sogno di tanti bambini

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE4__880

La linea di partenza della pista

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE3__880

La Ferrari più veloce del mondo

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE5__880

Uno Speedseeker si prepara per cercare di stabilire un record

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE7__880

Il garage perfetto

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE8__880

Gli strumenti ideali

THE-WORLDS-FASTEST-PLACE9__880

Una belly tank

Ti è piaciuto questo articolo? Metti “mi piace” a Social Up!

About the Author
Giuseppe Forte
Loading...