10 libri che devi assolutamente leggere per Natale

In #CulturalMente by redazioneLeave a Comment

libri sono tra i regali di Natale più gettonati praticamente ogni anno: il vero problema, ogni anno, semmai risiede nella scelta e nella decisione di quale libro regalare a quale persona. In quest’articolo vogliamo proporvi 10 libri da mettere sotto l’albero, tra qualche evergreen che fa sempre bene e qualche interessantissima novità che potrebbe piacere anche ai lettori più esigenti. 

La strana biblioteca, di Haruki Murakami: per chi ama il genere surreale e fantastico, di quel fantastico che s’intreccia col reale. Qui al centro della storia c’è una biblioteca strana e la richiesta di un libro ancora più strana.

La leggenda della rosa di Natale, di Selma Lagerlof: atmosfere incantevoli svedesi, miti e fiabe di tempi antichi che sembrano rivivere nel presente, racconti morali che ci raccontano il presente e l’umano. Tipica lettura da divorare davanti al fuoco acceso.

La nave di Teseo, di J.J. Abrams e Doug Dorst: un libro dentro un libro dentro un libro! Potremo continuare all’infinito, invero… Un esperimento letterario che amerete o odierete, senza mezze misure. Al centro della storia il libro misterioso di un autore altrettanto misterioso, e al suo interno un sacco di materiale interattivo.

La guerra dei bottoni, di Louis Pergaud: se dovete regalare un libro a un ragazzo, optate per questo capolavoro. Due bande di ragazzini si fanno la guerra: le battaglie vinte vengono pagate in bottoni. Sullo sfondo la guerra più grande: il crescere.

Il canto di Natale, di Charles Dickens: tacciateci di banalità, di retorica o come volete, ma non poteva certo mancare il libro sul Natale per eccellenza. Giusto per guardare dentro noi stesso e capire che, in fondo, siamo tutti animi buoni.

Il piccolo Principe, di Antoine de Saint-Exupéry: un libro per ragazzi, ma anche per tutti quegli adulti che non hanno dimenticato la dolce ingenuità del Fanciullino che vive dentro di loro. Lo trovate in tutte le versioni inimmaginabili.

Tra la terra e il cielo, di Nadkarni M. Nalini: ovvero, la vita segreta degli alberi. Un libro che indaga e approfondisce il sempiterno rapporto tra uomo e natura. Immancabile in qualsiasi libreria, se amate il genere.

Tito di Gormenghast, di Mervyn Peake: è un fantasy senza avere elementi fantasy, questa storia ambientata in un mondo che chissà qual è, dove in un castello-città il nuovo erede di una dinastia ha intenzione di esplorare il mondo sconosciuto, uscendo dalla protezione offerta dalle sue mura.

Babbo Natale giustiziato, di Claude Lévi-Strauss: una riflessione antropologica, sociologica e religiosa su Babbo Natale, mito quasi mistico, divinità in cui gli adulti non credono più.

Dimentica il mio nome, di Zerocalcare: non vorremo mica infognarci nella noiosa diatriba tra cosa è letteratura e cosa è fumetto. Per noi, tutto ciò che si legge e che emoziona è pura letteratura e così lo è anche l’opera più matura di Michele Rech, in arte Zerocalcare.