Vacanze: con HomeExchange ti scambi la casa e giri per il Mondo

Anno nuovo, nuovo modo di viaggiare. Per le vacanze invernali c’è un’alternativa di viaggio sostenibile e responsabile: è HomeExchange, la più grande community di scambio case al mondo. Sulla sua piattaforma solo nel corso del 2019 sono stati organizzati oltre 3 milioni di pernottamenti e sono disponibili 400.000 case in 187 Paesi: dalla neve di Chamonix ai grattacieli di New York, dalle spiagge della Repubblica Dominicana ai borghi storici italiani. HomeExchange permette a chiunque sia in possesso di un’abitazione di scambiarla temporaneamente in modo semplice, sicuro e senza transazioni in denaro tra gli utenti. La filosofia di HomeExchange consiste nel sostenere e incentivare un turismo più responsabile, accessibile e sostenibile, e offre a tutti i viaggiatori la possibilità di vivere esperienze di viaggio autentiche.

Destinazioni invernali

Lo scambio casa organizzato con HomeExchange consente di recarsi, anche last minute, in località e case da sogno.

Per chi ama la neve, nel cuore delle Dolomiti è disponibile la casa di Giampiero e Annamaria. Situato a Cavalese, a 1.000 mt di altezza, nella Val di Fiemme, l’appartamento su due piani arredato in stile tirolese offre una vista mozzafiato sulle montagne circostanti. La casa è a pochi minuti a piedi dal centro di Cavalese ed è comoda per tutti gli appassionati che vogliano provare le piste da sci della zona (Predazzo, Moena, Canazei, il gruppo del Sella e il ghiacciaio della Marmolada).

Per chi preferisce abbandonare il freddo per puntare a una destinazione caraibica, su HomeExchange è disponibile la casa di Francesca a Cap Cana, una zona super esclusiva della Repubblica Dominicana. Si tratta di un appartamento con una scenografica vista sul mare che offre agli ospiti anche la possibilità di utilizzare le biciclette disponibili per raggiungere la spiaggia paradisiaca o per esplorare le riserve naturali della zona.

Capitali Europee

Chi vuole vivere il fascino delle capitali europee in inverno può vivere il sogno di una vera casa parigina accordandosi per uno scambio a casa di Matias. Si tratta di uno splendido appartamento haussmaniano con parquet a spina di pesce e boiserie alle pareti, ampie finestre e un caminetto in marmo. Situato a due passi da una fermata del metrò, nei pressi del Jardin des Plantes e della Mosquée dove assaggiare un tè alla menta tra una passeggiata lungo la Senna e la visita a un museo.

E sono centinaia le destinazioni disponibili nelle città straniere: anche tanti newyorkesi sono parte della community di HomeExchange e condividono le loro case con altri viaggiatori. L’appartamento di Elizabeth si trova in un palazzo brownstone risalente al 1890: ha mantenuto molti dettagli originali dell’epoca, come gli scuri, il caminetto e la finestra a bovindo affaccia su Central Park. Ideale per due persone, consente di raggiungere in 15 minuti a piedi luoghi d’interesse come il Metropolitan Museum of Art, il Guggenheim, e l’American Museum of Natural History.

Ma anche nei borghi storici italiani le opportunità non mancano, e le vacanze invernali possono essere l’occasione giusta per scoprire le meraviglie del nostro Paese. Un’opportunità è la casa di Kim, situata dentro le mura di Cortona (Arezzo), che permette di esplorare le colline toscane e i siti archeologici che testimoniano la storia etrusca e quella romana. Disposta su due piani e con una vista spettacolare sulla Val di Chiana, la casa è disponibile per uno scambio fino a metà gennaio.

Come funziona

I proprietari di una casa che vogliono entrare nella community possono registrarsi sul sito o sull’app di HomeExchange, descrivere la casa che vogliono mettere a disposizione della community e corredare il proprio annuncio con immagini e informazioni sugli spazi e sulla zona, e possono indicare le date in cui la casa sarà disponibile ad accogliere gli ospiti.

Una volta entrati a far parte della community di HomeExchange, gli utenti possono ricercare le case ideali per la propria destinazione o per le date in cui intendono partire. La piattaforma mostra loro tutte le case disponibili in base ai loro criteri di ricerca, e gli utenti possono guardarne le fotografie, leggerne le descrizioni e le recensioni che sono state lasciate da altri viaggiatori della community che vi hanno già soggiornato. Gli utenti possono infine contattare i proprietari della casa scelta e accordarsi per il soggiorno.

Ogni utente, nel momento in cui completa il proprio profilo e quello della sua casa, riceve un numero di GuestPoints calcolato dalla piattaforma sulla base dell’ubicazione, delle dimensioni e dei comfort della casa, che può utilizzare per essere ospitato da altri utenti della community. Inoltre, accumula GuestPoints ogni volta che ospita altri viaggiatori nella sua casa. I GuestPoints permettono di viaggiare in modo flessibile e di mantenere uno spirito di collaborazione e condivisione tra gli utenti. Grazie al sistema dei GuestPoints, lo scambio case può avvenire in due modalità.

 Lo scambio classico

I due utenti soggiornano reciprocamente uno a casa dell’altro, sia durante le stesse date, spostandosi gli uni a casa degli altri e viceversa, che in periodi differenti (ad esempio, spostandosi gli uni a casa degli altri quando questi ultimi sono via per lavoro).

Lo scambio con GuestPoints

Uno dei due utenti soggiorna a casa dell’altro che, a sua volta, accumulerà dei GuestPoints per soggiornare a casa di un altro utente della community. Questo tipo di scambio permette ai viaggiatori di essere ospitati anche nelle case di utenti della community che abbiano in programma di recarsi nella destinazione da cui proviene il loro ospite.

Su Home Exchange, lo scambio casa è gratuito tra gli utenti. Solo nel momento in cui due utenti si accordano e finalizzano uno scambio, la piattaforma richiedere la sottoscrizione di un abbonamento che, nel periodo di validità, permette di concordare un numero di scambi illimitato. L’abbonamento annuale ha un costo di 130 euro. L’iscrizione e l’accesso al sito sono sempre gratuiti.

HomeExchange: qualche dato

La top 5 dei Paesi con un maggior numero di case offerte su HomeExchange è Francia, Stati Uniti d’America, Spagna, Italia e Canada. Per quanto riguarda l’Italia, le 5 città in cui avvengono più scambi su HomeExchange sono Roma, Firenze, Venezia, Milano e Torino. La community di Home Exchange è composta per il 28% da famiglie con figli adolescenti, il 24% da famiglie i cui figli non vivono più a casa, il 13% da coppie e un altro 13% da viaggiatori solitari, il 12% da famiglie con bambini piccoli e l’8% da pensionati.

HomeExchange: due testimonianze dalla community dello scambio case

Chiara Pasquini, italiana, con HomeExchange ha organizzato 74 scambi. «Siamo stati ospitati in diversi tipi di case, dagli appartamenti, alle case di campagna o ville in qualsiasi paese, e anche se diversi, condividono tutti la stessa sensazione di calore e vera ospitalità», racconta Chiara, che con HomeExchange ha visitato anche Madrid e Dublino.

«Nostro figlio era un bambino piccolo quando ci siamo uniti alla comunità e oggi è un giovane uomo con una consapevolezza globale della vita, avendo incontrato così tante persone di culture diverse.»

Javier Ferré, spagnolo, grazie alla community di HomeExchange ha organizzato 52 scambi. «Da quando sono entrato in HomeExchange, il modo in cui viaggio è cambiato radicalmente in meglio. Sento di non andare più nei posti come turista ma come membro delle diverse comunità che visito. Ho potuto visitare e conoscere posti in cui non sarei stato altrimenti», spiega Javier, che di recente ha usato HomeExchange in Costa Rica e in Australia.

«Questi soggiorni mi hanno permesso di conoscere i luoghi, le città e, soprattutto, le persone in un modo che non avrei mai potuto immaginare. Essere a casa quando viaggi è un’esperienza molto fantastica; così facendo ho incontrato persone molto interessanti. Alcuni di loro sono diventati veri amici per la vita. Scambiare case non è solo un modo di viaggiare, non si tratta dei soldi che si risparmiano, non è un modo comodo di viaggiare, è un modo di vivere!»



Sharon Santarelli