“Us” è il nuovo singolo di 86callo: un tuffo nel pop e nell’elettronica

“us”, il nuovo singolo di 86callo è un tuffo nel pop e nella musica elettronica

Il 19 gennaio è la data che 86callo non potrà più cancellare dal calendario: è fuori “us”, il nuovo singolo del giovane artista milanese  rivisitato insieme al producer dNoise. Fresco di firma con Believe Digital, 86callo con il suo nuovo brano esplora nuovi suoni e un nuovo genere fino ad adesso ancora sconosciuto a lui.

Solo una coincidenza il fatto che ‘us’ sia due terzi dell’acronimo USA, visto che il pezzo é interamente in italiano. Dal sapore Europeo, semmai, grazie alle immagini che vanno da Berlino alla Tour Eiffell.

“Tutti noi soffriamo per amore, ma per estinguere il sentimento bisogna impregnarlo nella creatività”: è questa l’istantanea che 86callo regala per la sua “us”

Un tuffo nel pop e nella musica elettronica, dove la visione di un vent’enne viene filtrata attraverso le immagini di festa, passione e sentimento, in cui le emozioni vanno a colpi di Synth e le parole si interscambiano a stacchi musicali privi di testo – dove, difatti, parla la musica-.

Fra le reminiscenze di Twin Peaks – in cui Laura Palmer invece di andarsene materialmente preferisce ‘andarsene da qui’ con stupefacenti -, le immagini tipiche del pop anni 2000 e un’ederità di stampo vagamente POP-X, il brano racconta i lati negativi di un amore non corrisposto e delle sofferenze che vengono affrontate di conseguenza, tematica ricorrente nel testo e evidente dal tono malinconico e sfiduciato di 86.

Riprende alcuni tratti dell’Emo Rap, genere molto influente sull’artista italoamericano, arrivato di recente in Italia dopo la sua esplosione negli Stati Uniti negli ultimi anni, in cui vengono accennati aspetti ricorrenti come le delusioni amorose, la solitudine e l’abuso di droghe.

BIOGRAFIA 86callo:

 

Artista Milanese di origini americane, classe 2000, Davide, noto come 86callo, muove i primi passi della sua carriera discografica nell’estate del 2018, quando l’assidua frequentazione con artisti e musicisti – nonché amici – coetanei lo porta a scrivere e registrare i primi brani in studio.

Con lo sguardo a cavallo fra cultura hip hop italiana e le forti influenze d’oltreoceano, caratterizza fin da subito le sue produzioni con suoni marcatamente americani e con liriche quasi interamente in lingua inglese.

Ciononostante non mancano numerosi featuring con artisti italiani in cui lo scambio fra le due lingue diviene automatico, sintomo della fusione fra le varie scene musicali improntate su scala globale.

Queste premesse sono il punto di partenza di un periodo musicale ricco di uscite a cavallo fra 2019 e 2020. Escono infatti i due tapes d’esordio dell’artista: 86tape e il relativo volume due, in cui 86 – o ‘eighty’- mette insieme tutte le ispirazioni e le idee maturate fino a quel momento creando due album ricchi di spunti diversi, dalle sonorità aggressive di Cokeblunt (ft b4ze) fino alle derive pop di Mezzanotte (ft Tito Ferrari).

È con questi due artisti che in estate, assieme a Tito Ferrari, e in autunno, con b4ze, pubblica rispettivamente Disco Dreams e LEVEL864, due progetti questa volta tematici, l’uno con suoni ispirati alla disco music degli anni 80,laltro con le radici piantate nel terreno dell’hip hop.



redazione