Un panda come commensale: la nuova idea per il distanziamento sociale

Un ristorante in Thailandia ha distribuito peluche a forma di panda ai tavoli per tenere compagnia ai clienti e applicare al meglio le misure di distanziamento sociale necessarie per la crisi sanitaria che stiamo vivendo.
Il paese ha alleggerito le restrizioni di blocco all’inizio di questo mese, consentendo ai ristoranti di riaprire con rigide regole pensate per prevenire la diffusione del Covid-19.
Invece di sedersi a tavola da soli, Natthwut Rodchanapanthkul, il proprietario del ristorante vietnamita Maison Saigon a Bangkok, ha deciso di distribuire panda coccolosi di peluche ai tavoli, dando ai clienti una forma di compagnia e chiarendo dove altri commensali non possono sedersi.
“Prima avevamo solo una sedia ai tavoli dove il cliente sedeva da solo. Ma mi sembrava strano, quindi ho pensato di dare loro un po’ di compagnia”, queste le parole di Natthwut a Reuters.
Evidentemente, la nuova soluzione si è dimostrata popolare anche tra i clienti e, ad esempio, il commensale Sawit Chaiphuek, 25 anni, dichiara: “La bambola mi fa sentire meno solo mangiare da solo. Ed ecco un altro commento: ”È molto più facile da capire rispetto ad altri ristoranti in cui le persone si confondono sempre su dove sedersi e finiscono per sedersi troppo vicini gli uni agli altri”.
Il ristorante ha condiviso la soluzione creativa in un post su Instagram che recita: “La Maison Saigon è ora aperta!! Vieni da solo, in coppia o in famiglia.
Abbiamo panda e pannelli trasparenti per aiutarti a mantenere la distanza per essere felice e in salute con autentico gusto vietnamita .. sicuro, senza preoccupazioni, con rigide misure di pulizia in conformità con gli standard statali”.
Può sembrare ingiusto che la gente in Thailandia stia godendo del delizioso cibo vietnamita in compagnia di peluche a forma di panda, ma il virus è molto meno diffuso lì di quanto non lo sia in Italia e in Europa.
Ieri il Paese non ha riportato nuovi casi e nessun decesso.



Rebecca Broomfield