Da Invictus

Un fenomenale Ilicic trascina l’Atalanta ai quarti di Champions League

La Dea scrive un pezzo della sua storia conquistando l’accesso ai quarti di finale di Champions League grazie al 3-3 conquistato a Valencia. A settembre l’esordio europeo dell’Atalanta non è stato certo positivo e pochi si aspettavano un simile risultato. Nelle prime tre partite erano arrivate tre sconfitte. Il sonoro 4 a 0 contro la Dinamo Zagabria sembrava dimostrare il peso della mancanza di esperienza in campo europeo. Nella successiva partita contro lo Shakhtar la sconfitta è arrivata solo 95’ minuto, dopo una buona partita atalantina. Il 5 a 1 di Manchester ha mostrato la volontà del club bergamasco di giocarsi, a viso aperto, tutte le proprie carte. Il primo punto della storia conquistato contro gli inglesi sembrava un punto quasi inutile, visto l’andamento delle altre squadre nel girone. I giocatori della Dea non si sono mai arresi e hanno conquistato il passaggio del girone vincendo entrambe le partite di ritorno.

Il passaggio del turno è stato un evento quasi storico. Solo un’altra squadra era riuscita a passare il turno dopo 3 sconfitte nelle prime tre partite del girone. Era il 2002 e l’impresa fu compiuta dal Newcastle.

Il passaggio del turno era quasi una formalità dopo il 4 a 1 conquistato a San Siro. L’aggravarsi della situazione sanitaria legata al diffondersi del Coronavirus ha reso necessario lo svolgersi della gara a porte chiuse al Mestalla. Gli oltre mille tifosi che dovevano seguire la squadra bergamasca hanno deciso di devolvere il rimborso del biglietto all’’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo.

Lo stadio vuoto del Valencia, causa porte chiuse. Da Atalantini.com

La partita

Dopo due minuti la partita è già in discesa per i bergamaschi: Ilicic entra in area ma viene atterrato da Diakhaby. Lo sloveno, con freddezza, trasforma in rete il calcio di rigore. L’Atalanta potrebbe rilassarsi e gestire il vantaggio, ma la squadra di Gasperini continua a giocare a viso aperto. Al 20’ Grameiro riapre la partita per gli spagnoli, favorito dall’intervento in scivolata di Palomino. Partita da dimenticare per Diakhaby che al 40’ che tocca la palla di mano in area. L’arbitro assegna il secondo rigore della gara che Ilicic calcia spiazzando Cillessen.

Nella seconda frazione di gioco parte forte i Los Murcielagos pareggiano con il colpo di testa di Grameiro su cross di Torres. Lo stesso Ferràn Torres trova il gol del 3 a 2, superando l’uscita di Sportiello con un pallonetto. Dopo due minuti Ilicic trova il gol del pareggio con un preciso sinistro dal limite dell’area di rigore, su sponda fortunosa di  Zapata. A dieci minuti dal termine Ilicic conclude il suo personalissimo show, sfruttando l’assist di Freuler, segnado il quarto gol.

Per ora nessuna squadra debuttante è mai riuscita a superare i quarti di finale nella Champions League, ma l’Atalanta vista in campo contro il Valencia può far sognare i propri tifosi. Venerdì 20 marzo il sorteggio di Nyon stabilirà il prossimo avversario dell’Atalanta.

Nell’altro ottavo il RB Lipsia ha eliminato il Tottenham, finalista della scorsa stagione, vincendo per 3 a 0 la partita di ritorno, dopo l’uno a zero dell’andata.



Tommaso Pirovano