Torneremo a viaggiare, alla scoperta di Pitigliano

Nel centro della Toscana, si trova un borgo bellissimo, uno dei più belli d’Italia. E’ noto anche come la piccola Gerusalemme, data la presenza di una comunità di religione ebraica che proprio a Pitigliano ha la sua sinagoga ed il cimitero ebraico. Pitigliano, si trova in provincia di Grosseto e conta affatica 4.000 abitanti. E’ un borgo arroccato sul tufo (tipico di queste zone), contornato da vie cave e grotte.

Le origini

Leggenda narra infatti che la cittadina sia stata fondata da due giovani romani Petilio e Celiano che, in fuga da Roma dopo il furto della corona d’oro di Giove, si rifugiarono nelle campagne di quest’area, fondando una prima comunità, dalla quale poi si originò la città, che prese il nome di Petiliano originariamente, dalla fusione di quelli dei due romani, divenendo poi, nei secoli successivi, Pitigliano.

Una delle caratteristiche di questo borgo deriva proprio dalle sue origini, da quel passato che gli regala una delle sue caratteristiche più interessanti: le vie cave. Un sistema di strade di antica origine etrusca, curiosamente e ingegnosamente ricavate nella roccia. Percorsi che si insinuano nella roccia, si estendono per metri e metri, e sono dotati di alte pareti di tufo. Alcune di queste vie si intrecciano con i resti delle necropoli etrusche sparse per il territorio. Luoghi magici, quasi da film, di cui questa zona, è veramente molto ricca.

Il centro storico

Raccolto e tenuto veramente come una chicca è il centro storico di questo borgo toscano. Assolutamente da visitare sono Palazzo Orsini, l’antica residenza della famiglia Orsini, signori della contea di Pitigliano, Sovana e Santa Fiora; il Teatro Salvini, costruito nel 1823 dalla Società Filodrammatica dei Ravvivati. 

Una delle costruzioni più rappresentative di Pitigliano è l’Acquedotto Mediceo. Costruita per volere degli Orsini, e restaurata poi sotto la famiglia dei Lorena, era fondamentale per l’approvvigionamento dico della cittadina.

Altro luogo da visitare è il Ghetto Ebraico, l’antico quartiere costruito dalla comunità ebraica. Qui si trovano la Sinagoga, il Forno delle Azzime, la Macelleria Kasher, la Cantina ed il Bagno Rituale. Infine le chiese, la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, la Chiesa di San Rocco, che è l’edificio più antico di tutto l’abitato, e il Santuario della Madonna delle Grazie.

Gli Eventi

Come ogni borgo toscano che si rispetti, Pitigliano è ricco di eventi che vergono annualmente organizzati dalle associazioni locali. Dalla Torciata di San Giuseppe a Marzo, all’Infiorata a Giugno, all Festa del Contadino il primo fine settimana di Agosto a Calici di Stelle, imperdibile evento dedicato al vino ed ai prodotti tipici di Pitigliano e la Festa della Contea, ricostruzione storica che si tiene nella seconda metà del mese. Settembre DiVino la celebre festa nelle cantine tufacee, che ogni anno attira migliaia di visitatori nel borgo, e  Natale a Pitigliano. Insomma, ogni occasione è buona per mangiare e bere bene e si sa, la Maremma è uno dei luoghi più ricchi di eccellenze enogastronomiche.



Sharon Santarelli