Tommaso Zorzi amore non corrisposto

“Tommaso Zorzi e l’amore non corrisposto, è giusto dichiararlo?” Raccontalo a zio Benny

“Ciao zio Benny,

ho visto dalle tue storie Instagram che anche tu hai seguito la vicenda del Grande Fratello VIP sull’amore non corrisposto di Tommaso Zorzi. Tu che ne pensi? Ti è mai capitato e se sì come hai affrontato la situazione? A me è capitato anni fa, quando ero alle superiori. C’era lui, un compagno di classe, un ragazzo tanto bello quanto brillante che, mi fece letteralmente innamorare perdutamente. Il mio, però, è sempre stato un amore non corrisposto e non ho nemmeno mai avuto la forza di dichiararmi. Pensi che in questi casi bisogna provarci? Con quali parole poi? E se l’altra persona la prende a male, che si fa?

Alessandra”

Ciao Alessandra, certo che di domande in merito all’argomento ne hai, non ti nego una certa ansia nel leggerti.

In verità, non ho seguito la vicenda live, il GF è un programma che non seguo, ma ho poi ricercato la notizia e mi andava di parlarne. Trovo che il pensiero di Stefania Orlando non faccia una piega e lo riporto anche qui, per chi se lo fosse perso.

“L’amore non ha nessuna barriera, non c’è nessun imbarazzo: ognuno si può innamorare di chiunque. Un sentimento che nasce non può mettere in imbarazzo, può solo lusingare l’altra persona. Credimi. Non ti sentire in imbarazzo perché non hai fatto nulla hai soltanto aperto il tuo cuore.”

Il discorso come ti dicevo, mi ha molto colpito e sintetizza ogni risposta alle domande che mi hai fatto nella tua email. L’amore è proprio così, un sentimento volubile, che può nascere dove e quando meno te lo aspetti. Sì, è capitato anche a me e ho cercato di affrontare il tutto, non molto tempo fa.Personalmente, quando intuisco che i miei sentimenti non potranno essere corrisposti, tendo a vivere particolarmente male.
Il dispiacere deriva tutto dall’impossibilità di poter usufruire di tutto quel bene che ti porti dentro. In sostanza, quell’amore che arde e brucia dentro non può bastare per entrambi.

Mi rendo conto che non è affatto una situazione semplice. Si fa presto a dire –lascia perdere- oppure –Sai già che non ti porterà da nessuna parte!- o ancora –Ma come è possibile una cosa del genere, vedrai, ti passerà subito.-
Solitamente sono queste le frasi che con più ricorrenza gli amici tendono a dire. Se in parte hanno ragione, dall’altra tutto resta immutato e si rimane comunque preda dei sentimenti.

Sono dell’opinione che l’amore vada sempre dichiarato, indipendentemente dalle reazioni che ne possano derivare. Bisogna armarsi solo di tanto coraggio. Bisogna tirar via il cerotto e affrontare le situazioni. Solo così si potrà giungere ad un epilogo. Beh, sull’esito dell’epilogo giocano numerosi fattori.
La paura, però, non può spingere al silenzio e al rimpianto di non aver mai detto nulla.

In fin dei conti si sta offrendo all’altra persona un sentimento buono, pulito, qualcosa di importante e in più si sta anche abbassando la guardia, mostrando la propria debolezza, il proprio cuore. Il mittente di tutto ciò, come ha detto Stefania Orlandi, dovrebbe sentirsi esclusivamente lusingato e particolarmente fortunato.

Se così non fosse? Se l’altra persona reagisse male? E’ una possibilità e io, personalmente, mai capirò chi non riesce a mostrare empatia. In loro c’è qualcosa che non va, c’è forse del marcio, un qualcosa che non impedisce loro di essere sensibili o forse, semplicemente, non sono in grado di saper gestire l’amore e i sentimenti in generale o hanno qualcosa da nascondere.

Le parole da usare si trovano facilmente, l’importante è essere onesti.

Poi, che vada di culo, può capitare e magari si è corrisposti. Se non lo si dice, non lo si scopre. Quindi risica, risica sempre!

Ale se vuoi, puoi trovare altre risposte QUI, ho già trattato questo argomento, almeno un paio di volte.

Raccontami dei tuoi amori impossibili e io ti racconterò dei miei, scrivi a benito.dellaquila@socialup.it o cercami su IG, @ilpuntodellquila



Benito Dell'Aquila