Servizi per la casa: il professionista si cerca sul web

Erminia Lorito

In WEB / Erminia Lorito / Comments

Casa dolce casa”, recita il famoso detto. Ebbene a volte per renderla così dolce, magari non proprio come quella della strega cattiva in Hansel e Gretel, bisogna lavorare sodo, per lo meno se il vostro intento è quello di scongiurare gli sciagurati eventi che si sono abbattuti contro i due fidanzatini protagonisti dell’omonimo film di Steven Spielberg “ The Money Pit”, alle prese con l’acquisto e la successiva ristrutturazione di un immobile. Fortunatamente oggi abbiamo per voi delle interessanti novità.

Specificatamente, in materia di cura della casa, sui lavori da realizzare, sulle modalità di ricerca di professionisti e ditte per mansioni di manutenzione o migliorie domestiche, ha indagato il Barometro dei servizi per la casa guidato da Instapro, il marketplace online di successo e punto di contatto diretto tra professionisti qualificati e utenti finali, recentemente sbarcato in Italia. Evidenziando infatti alcuni dati significativi sulla cura e l’attenzione che gli italiani (precisamente su di un campione di 1000 individui in una fascia di età compresa tra i 30 e i 65 anni) prestano nei confronti della propria abitazione, risulta in maniera a dir poco chiara la volontà e la necessità di affidarsi ad elementi come comfort e fiducia. Dalla ricerca, il quadro che si evince è, da un lato, quello di una popolazione ben predisposta ad investire nella propria abitazione, riconosciuta sia come un valore affettivo che come un investimento sicuro da un punto di vista economico. Dall’altro, ci troviamo di fronte ad un utente molto attento ed esigente per cui è imprescindibile essere rassicurati. Come conciliare quindi questi due elementi?

schermata-2016-10-28-alle-10-23-56

Semplice, basti pensare al fatto che gli italiani sono sì aperti ed innovativi, ma di certo non rinnegano la tradizione. Motivo per cui, per convincerli ad aprire la porta di casa in tutta tranquillità ci si affida al passaparola soprattutto mediante raccomandazioni e segnalazioni, che consentono di conoscere opinioni e punti di vista reali. Oltre i 2/3 degli italiani conferma di crederci fermamente, piazzando questo metodo classico in vetta alla classifica dei “canali” più sfruttati per la ricerca di un professionista o di un servizio per la casa.

Ma non solo, non dimentichiamoci di un dato importante il quale dimostra che circa il 97% degli italiani fa acquisti online e che l’80%, nel 2016, ha aumentato la sua frequenza d’acquisto in rete rispetto al 2015. C’è da sorprendersi dell’indiscutibile importanza del ruolo della rete? A quanto pare proprio no. Oggi ben il 59% delle persone legge abitualmente le recensioni pubblicate dagli utenti per documentarsi e orientare le proprie scelte, influenzando in modo non indifferente le proprie decisioni d’acquisto. Un esempio e un riferimento in questo senso, per il mondo casa, è lo stesso sito di Instapro.it che raccoglie i commenti di chi ha già utilizzato il servizio scegliendo di coinvolgere alcuni dei professionisti, altamente qualificati e davvero di fiducia, che fanno parte del network. E ancora, in questo scenario che potremmo definire quasi webcentrico, i servizi per la casa rappresentano uno dei settori protagonisti e dal grande potenziale: a loro spetta infatti il quinto posto della top five dei settori in cui l’utente risulta più attivo in rete (dopo la tecnologia, i viaggi, il mondo della moda, dei libri e della musica). A questo ovviamente va aggiunta la variabile che permette all’utente di muoversi in rete in tutta comodità, attraverso l’ausilio di una connessione che si dimostra essere sempre più facile e all’avanguardia.

Barometro dei servizi per la casa ottobre 2016

Che dire a proposito del risultato? Non ci si poteva aspettare niente di meglio e a confermarlo sono gli stessi numeri.  Nel 2016 è di circa 1.000 euro in più la somma che gli italiani hanno intenzione di investire per la ristrutturazione della propria abitazione, rispetto al 2015. Un mercato, quello dei servizi edili, che si conferma in continua crescita e in grado di generare un volume d’affari stimabile sui 38 miliardi di euro, a dimostrazione che, in Italia i proprietari di casa, risultano essere sempre più propensi ad aumentare il proprio budget spesa per grandi lavori ristrutturativi a fronte di interventi edili e di qualità.

Tutto questo grazie anche soprattutto alla spinta acceleratrice e non indifferente fornita dalla stessa piattaforma online Instapro che, ad un anno dalla sua nascita, ne ha fatta di strada assistendo ad una significativa espansione del servizio, triplicando il numero di professionisti che ne fanno parte con una crescita esponenziale di ben 6 volte dei lavori eseguiti, generando un sistema basato sempre di più sul segno della sharing economy.