da “Mamma Mia!” Meryl Streep, Amanda Seyfried © 2008 Universal Pictures
da “Mamma Mia!” Meryl Streep, Amanda Seyfried © 2008 Universal Pictures.

International hug day: quanti tipi di abbracci esistono?

Oggi è la giornata mondiale degli abbracci. Voi chi abbraccerete?

L’abbraccio è il gesto più naturale del mondo, anche se ora è un po’ difficile da praticare. Però abbracciare è come respirare, se sei una persone empatica ed emotiva. Però se sei restia all’affetto esplicito, beh non è proprio una cosa semplice per te. Comunque oggi è la giornata internazionale dell’abbraccio. Sei pronto a scoprire quanti e quali tipi di abbraccio esistono?

Hug lover, voi li conoscerete tutti, ma apatici, qui vi vogliamo!

da metropolitano.it
da metropolitano.it

Quello appiccicoso

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Wholesome Memes 🥺 (@cuddlescity)

L’abbraccio appiccicoso è quel tipo di abbraccio dal quale vorresti toglierti dopo due secondi. È l’abbraccio odioso e, appunto, appiccicoso. Hai presente quando ti ritrovi in una brutta situazione e non sai come ti ci sia cacciata? Ecco, è esattamente così.

Quello da friendzone

Il ragazzo o la ragazza che ti piace ti ha friendzonato ma ti dice “possiamo rimanere amici” ed è proprio in quel momento che arriva l’abbraccio della friendzone. Quello di compassione che gira il coltello pieno di sale nella ferita a cuore aperto che il/la tale ti ha lasciato. Tranquill* prima o poi finirà di abbracciarvi o la sbandata vi passerà. C’è speranza per tutto e tutti.

Quello di supporto

da hallofseries.com
da hallofseries.com

Solitamente questo abbraccio è seguito da un bel po’ di imbarazzo, soprattutto se a darvelo è una persona che non conoscete molto, ma che vi vuole comunque incoraggiare ad andare avanti. È un abbraccio strano perché può essere il più sentito e condiviso, come il più imbarazzante della vostra vita (sia da ricevere che da dare).

L’abbraccio di cortesia

Avete presente quando vedete qualcuno soffrire o quando vostra madre da piccoli vi diceva “saluta la pro pro zia Anna”? Ecco, quello è l’abbraccio di cortesia. Quello che non vorresti fare, ma fai per non fare brutta figura.

Quello di addio

L’abbraccio d’addio è il più doloroso. Si da quando non si hanno più speranze, le lacrime agli occhi sembrano non volersi fermare più e ogni respiro pesa all’anima. È angosciante, doloroso e per nulla facile da superare. Però si sa, la vita va così.



Silvia Menon