Tutto quel che bisogna sapere sull’hard disk

Chiunque utilizzi un computer è ben consapevole dell’importanza rivestita dallo spazio di storage: da esso, infatti, non dipendono solo le prestazioni complessive del dispositivo, ma anche la capacità di mantenere e di conservare i dati in maniera corretta. Con l‘evoluzione delle tecnologie, gli hard disk meccanici più vecchi stanno lentamente scomparendo; ciò non toglie che i dischi fissi interni siano ancora i più adatti per chi è interessato ad aumentare lo spazio del proprio computer spendendo cifre limitate.

Che cosa è un hard disk

Prima di tutto, vale la pena di sapere che cosa è un hard disk. Si tratta, in sostanza, di un’unità che è costituita da dischi magnetici grazie a cui possono essere conservati i dati di un computer. Il taglio di memoria può variare: in linea di massima si va da 500 giga a 4 tera. I dischi fissi possono essere da 2.5 pollici o da 3.5 pollici: i primi sono concepiti per essere usati nei notebook, mentre i secondi hanno dimensioni tali da favorire l’inserimento in un computer fisso. Nella categoria degli hard disk ormai vengono inserite – anche se in maniera un po’ impropria – le SSD, vale a dire le unità a stato solido, al cui interno sono presenti delle memorie flash che si servono di impulsi elettronici per immagazzinare i dati (negli hard disk, invece, questo avviene grazie alle scritture di una testina su un disco magnetico). Rispetto ai dischi magnetici, le unità a stato solido sono molto più rapide, il che vuol dire che permettono ai computer di risultare decisamente più reattivi, anche se hanno un costo più elevato.

Quali hard disk interni acquistare

Che si tratti di acquistare un hard disk interno o un hard disk esterno, il sito Yeppon.it è un ottimo punto di riferimento da prendere in considerazione per trovare un vasto assortimento di soluzioni, come si può dedurre consultando la pagina https://www.yeppon.it/periferiche/hard-disk-esterni/. Va detto, in ogni caso, che scegliere un hard disk non è complicato: tutto quel che bisogna fare è capire di quanto spazio si ha bisogno. La base di partenza può essere individuata in un’unità da 1 tera e 7200 giri al minuto, che assicura un accesso ai dati piuttosto veloce. Soprattutto quando si parla di hard disk meccanici, non è detto che a una spesa più elevata corrispondano performance migliori. Chi ha bisogno di poco spazio, insomma, non deve essere indotto a comprare un hard disk da 4 tera, ma – piuttosto – può optare per una unità SSD capiente.

Le proposte sul mercato

Volendo acquistare un hard disk da 2 tera, il riferimento da prendere in considerazione è il Seagate Barracuda, disponibile a poco più di 70 euro: vi si può ricorrere anche nel caso in cui si abbia la necessità di gestire i file di videogiochi o film in alta definizione, che sono piuttosto pesanti. Un ottimo hard disk da 4 tera, invece, è quello di Western Digital Red, con 64 mega di cache e 5400 giri al minuto: non ci sono compromessi a cui sottostare e si è certi di poter lavorare anche con i file più impegnativi, per esempio ricavati da un programma di video editing o da un software di grafica. Certo, la velocità non è straordinaria, ma ciò dipende proprio dalla grande quantità di dati con cui si ha a che fare, mentre il prezzo è inferiore ai 150 euro.

Una volta acquistato l’hard disk, non resta altro da fare che montarlo: prima di tutto si devono togliere le viti del pannello del case, per estrarre il pannello stesso e concentrarsi sull’hard disk, situato più in basso rispetto al lettore ottico. Basta individuare i cavi di alimentazione è il gioco è fatto.



redazione