Primo Maggio: musica tra Roma e Bologna ripartendo con Noel Gallagher

Il Primo Maggio si avvicina e con questa giornata aumenta sempre più la voglia spasmodica di musica. La pandemia anche quest’anno non fermerà la tradizione dei “concertoni”, che andranno in scena però solamente a Roma e Bologna.

La grande assente è la città di Taranto, in cui il concerto “Uno Maggio – Libero e Pensante”, organizzato dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti non avrà luogo per manifestare la propria solidarietà nei confronti dei lavoratori dello spettacolo rimasti senza lavoro. Una decisione forte condivisa anche da Antonio Diodato, Roy Paci e Michele Riondino, i direttori artistici della manifestazione, che si uniscono alla volontà di riflessione in questo momento difficile, poiché “lo streaming è uno strumento utile, ma non una strategia”.

Primo Maggio 2021 Roma: versione sanremese con un pizzico d’internazionale

Il concertone della Capitale, organizzato da CGIL, CISL e UIL andrà in scena presso la Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, riportando al centro della discussione la sacralità del live. L’evento sarà trasmesso in diretta su Rai 3 e Rai Radio 2, dalle 16:30 alle 19 e dalle 20 alle 24.

All’evento, dal titolo “L’Italia Si Cura Con Il Lavoro”, prenderanno parte diversi volti nomi della musica italiana, tra cui Colapesce e Di Martino, Fedez, Fast Animals and Slow Kids & Willie Peyote, Francesca Michielin, Coma Cose, Fabrizio Moro & Vinicio Marchio e Giacomo Ferrara, ecc.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PrimoMaggioRoma (@primomaggioroma)

Oltre alla forte presenza della colonia sanremese, il concerto sarà caratterizzato dalla presenza di Noel Gallagher e LP, due nomi di importantissimo peso internazionale. Il cantautore di Manchester farà di tutto per esserci fisicamente, tornando dopo dieci anni esatti a calcare il palco del Concertone romano. Un nome d’eccezione e di livello internazionale, che si unisce a LP, che però si esibirà a distanza in un live che promette essere scoppiettante!

Oltre alle esibizioni musicali, sul palco saliranno anche personaggi dello spettacolo per testimoniare il difficile momento del settore. Di seguito la line annunciata fino ad ora:

Noel Gallagher, Alex Britti & Flavio Boltro, Apre’s la Classe & Sud Sound System, Balthazar, Edoardo Bennato, Bugo, Chadia Rodriguez ft. Federica Carta, Colapesce Dimartino, Coma_Cose, Enrico Ruggeri, Ermal Meta, Extraliscio, Fabrizio Moro con Vinicio Marchioni e Giacomo Ferrara, Fasma, Fast Animals and Slow Kids & Willie Peyote, Fedez, Folcast, Francesca Michielin, Francesco Renga, Gaia, Ghemon, Gianna Nannini e Claudio Cape’o, Ginevra, Gio Evan, il Tre, l’Orchestraccia, Lp, Madame, Mara Sattei, Max Gazzè & The Magical Mystery Band, Michele Bravi, Modena City Ramblers, Motta, Nayt, Noemi, Orchestra multietnica di Arezzo con Magherita Vicario, Piero Pelù, The Zen Circus, Tre Allegri Ragazzi Morti, Vasco Brondi e Wrongonyou, La Rappresentante di Lista.

Rimane alta l’attesa per un nome italiano rimasto ancora segreto, di cui si sa solamente che non ha mai preso parte a nessuna edizione del Concertone. Stesso discorso vale per i conduttori, che saranno annunciati nella giornata di giovedì.

Arrivando alla questione pubblico, invece, sono in corso le trattative per provare ad avere circa 500 persone, sfruttando l’allentamento delle misure scattato lunedì 26 aprile. La presenza del pubblico rappresenterebbe un bel segnale per la musica italiana, aiutando gli stessi artisti a trovare una parvenza di normalità.

Primo Maggio Bologna: L’Italia si cura con il lavoro

Sarà in diretta dall’Estragon di Bologna il concertone del capoluogo emiliano, che vedrà alternarsi sul palco diversi nomi autorevoli della musica italiana come La Rappresentante di Lista, Murubutu e Federico Poggipollini.

Sarà un concerto ovviamente diverso, ma l’importante è garantire la sua presenza, perlomeno in diretta streaming e in radio. Un dovere che la direzione artistica dell’Arci Bologna, insieme a CGIL, CISL e UIL, si è voluto prendere, donando a Bologna un momento di libertà e tranquillità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arci Bologna (@arcibo)

La scelta dell’Estragon Club non è casuale. Il club, infatti, è chiuso da più di un anno e l’evento darà la possibilità alle maestranze in difficoltà di mettersi in mostra. Oltre ai nomi sopracitati, il cast artistico sarà così composto: Fatoumata Diawara chitarrista, cantante e compositrice maliana, Davide Shorty altro nome proveniente dal palco di Sanremo 2021, Inoki, Max Collini, Dj Gruff e Gianluca Petrella, dei locali Rumba De Bodas (ex-band di Matilda De Angelis), I Superman (Duo Bucolico e I Camillas) e, infine, le band emergenti P-Funking Band, Daniele Ronda, Luca Taddia, i Terza Classe e i Nop. Inoltre la giornata verrà arricchita dagli interventi teatrali di Nicola Borghesi, Marina Occhionero e Maurizio Cardillo e dal contributo di diversi ospiti del mondo della cultura.

La conduzione della giornata sarà di Lucrezia Barzaghi e Claudio Succi di Radio Città Fujiko 103.1. L’iniziativa andrà in onda dalle ore 14.00 alle ore 21.30 sulle pagine Facebook degli organizzatori; sui canali TV ER24 (canale 518 di Sky), su TRC Modena e TRC Bologna (canali 11 e 15 del digitale terrestre) e su Radio Città Fujiko 103.1.



Paride Rossi