parché ci piace il tipo stronzo zio benny

“Perché ci piace il tipo stronzo?” Raccontalo a zio Benny

“Ciao zio Benny,
ho una domanda per te… Perché siamo attratti dal bello e impossibile? Perché ci piace il tipo stronzo, quello che ci rende complicata la vita. Quello che non è mai chiaro, ma continua a lanciarci segnali ambigui, che appare totalmente disinteressato e poi, quando meno te lo aspetti arriva e si mostra totalmente e fintamente innamorato… Insomma quello che più ci respinge e più ci lega a lui.
Emy”

Emy carissima, bentrovata.
Negli ultimi tempi ho ripreso a guardare una serie tv anni ’90, X-Files. Tanto fantastica quando vintage, in cui due agenti dell’FBI affrontano casi legati al paranormale e in quanto inspiegabili, catalogati come X-Files. In realtà, la sto riguardando anche perché sono perdutamente affascinato dal protagonista Fox Mulder interpretato da David Duchovny e provo un debole per la bellissima Gillian Anderson nei panni di Dana Scully.

Tralasciando la mia ship per gli attori, ciò che mi scrivi può rientrare a pieno titolo negli X-Files. Perché ci piace lo stronzo, non è dato saperlo e non è possibile spiegarlo scientificamente. Non credo che alcune fisime mentali si adattino meglio ad un sesso rispetto all’altro. Sono piuttosto convinto che chiunque possa essere affetto dalla sindrome della crocerossina o da quella di Narciso.

A prescindere dalla bellezza esistono uomini e donne che emanano un’incalcolabile quantità di ormoni. Gli ormoni della stronzaggine! Al loro passaggio è come se ci spruzzassero direttamente negli occhi questo loro charme in grado di spedirci con un biglietto di sola andata, al triangolo delle Bermuda. Tutto ciò che fanno o meglio, che NON fanno, ci inebria. Risposte altalenanti, sguardi intensi che si alternano a periodi di estremo snobismo, e quei NO che nella nostra mente si configurano come impliciti inviti a provare e riprovare.

Se lei/lui sono affetti dalla sindrome di Narciso e quindi, non esiste nessuno su questa terra in grado di scovare la chiave che apra il loro cuore… Ci siamo noi, invece, che soffriamo della sindrome della crocerossina. Un nobile intento ci spinge: cambiarlo! E nell’attesa estenuante che prima o poi qualcosa gli faccia notare che esistiamo, continuiamo ad accumulare punti per la raccolta delle figure di merda. Esatto, un’infinita serie di figuracce che marchieranno con l’infamia la nostra vile esistenza sulla Terra. Perché Emy, stai serena, il tipo che ci piace è stronzo e in virtù di questo suo titolo nobiliare, sa benissimo qual è la nostra strategia. Ecco perché ci perculerà per sempre.

Non posso quindi fare a meno di chiedermi se il mondo si divida in sole schiere di Candy Candy e di Narcisi e se esiste una goccina di Xanax in grado di salvarci da questo cliché. Esisterà in questa lotta di cuori impari una via di fuga o siamo destinati a rincorrerci per sempre o al massimo a trasformarci nel Narciso di qualcun altro? E’ un semplice NO che ha la forza di imbrigliarci o è solo questione di chimica?

Alla luce di tutti questi interrogativi, non posso che archiviare questo file alla lettera X.

Scrivimi a benito.dellaquila@socialupmag.it o inviami un direct su IG a @ilpuntodellaquila



Benito Dell'Aquila