Per il lockdown del coronavirus, muore bambina di 12 anni mentre cerca di raggiungere la sua casa

Una bimba di soli 12 anni, a causa del coronavirus rimane lontana dalla sua famiglia, nella disperazione di raggiungerla muore per strada per gli stenti, cercava di arrivare a casa, camminando per 100 km a piedi, visto che i mezzi di trasporto erano fermi e per il lockdown nessuno si è fermato ad aiutarla.

La piccola Jamalo Madkam, 12 anni, indiana, ha perso la vita nel disperato tentativo di tornare a casa sua, dopo essere stata mandata dai genitori a lavorare in un’altra fattoria.
La bambina due mesi fa era andata a lavorare in una fattoria insieme ad altri parenti, scattato il lockdown, ha iniziato, insieme a molte altre persone, un lungo esodo, ma il suo giovane e gracile corpo non ha retto all’ennesima fatica dopo aver camminato per tre giorni ininterrottamente. Sul caso è stata aperta un’indagine e intanto le autorità hanno annunciato che risarciranno la famiglia per l’accaduto.
Ecco l’esempio del nostro prossimo futuro, una bambina di soli 12 anni, nel suo percorso a piedi è stata vista chissà da quanti adulti, nel suo lungo percorso per arrivare a casa, nessuno le ha offerto aiuto, cibo, acqua, sostegno dalla paura di una piccola bambina, fin quando si è accasciata dalla stanchezze, sognando di ritrovare le braccia della sua mamma si è addormentata per sempre.



Alessandra Filippello