Da www.tg24.sky.it

Madame: una carriera appena nata, ma il palco dell’Ariston è già suo

Vi diciamo un nome: Francesca Calearo. Vi dice niente? E se invece vi dicessimo Madame? Ebbene sì, Madame, come ormai è noto, parteciperà a Sanremo con il brano “Voce”, in quella che è la sua prima esibizione all’Ariston. Ma c’è di più: classe 2002, Madame è la più giovane concorrente in gara. Ma chi è Madame? Ripercorriamo le tappe di una carriera ancora breve ma già fortunatissima.

Il debutto di Francesca risale al 2018, quando aveva appena sedici anni. Allora pubblicò ben due brani che le permisero di farsi conoscere al grande pubblico, ossia “Anna” e, soprattutto “Sciccherie”. Sarà proprio quest’ultimo singolo, infatti, a farla diventare la nuova icona del trap tutto al femminile. Il brano in questione è arrivato addirittura a Cristiano Ronaldo, pensate, che tempo fa registrò una storia Instagram in cui si rilassava sulle note proprio di “Sciccherie”.

Ed ecco che ha inizio la scalata di un’artista tanto eclettica quanto interessante tra gli addetti ai lavori e non. Non è un caso, infatti, che moltissimi cantanti esperti nel settore abbiano cercato una collaborazione con questo nuovo talento. Del 2019 è una collaborazione con Ensi, per esempio, ma è il 2020 il vero anno di Madame (in attesa di vedere come si comporterà a Sanremo). L’anno scorso, infatti, Francesca ha collaborato con artisti del calibro di Marracash, Ghali e Dardust per la canzone “Defuera”, un vero e proprio tormentone dell’estate scorsa. Ma non è tutto, perché sempre nel 2020 Gaia, Ernia, Madame e Rkomi hanno scritto la canzone “Nuove strade”. Insomma, già un curriculum importante per lei.

Da www.shockwavemagazine.it

L’ultimo lavoro che ha visto impegnata Madame è stato un featuring con uno dei padri del rap italiano, Fabri Fibra. I due hanno collaborato per la canzone “Il mio amico”.

Come possiamo vedere, quindi, la sua è una carriera ancora breve ma di tutto rispetto. Per quanto riguarda la sua partecipazione a Sanremo, i giudizi di coloro che hanno già ascoltato in anteprima il brano sono per la maggior parte positivi, segno che Madame ha fatto centro nuovamente. A questo proposito, Sky Tg 24 scrive:

“Fresca, surreale, astrale questa diciottenne riesce a emozionare sparigliando i sentimenti. A un primo ascolto sembra il testo più lungo di questo Festival. E anche se fosse non annoia e viene voglia di riascoltarlo perché “bastava guardarmi dentro più che attorno.”

La curiosità maggiore, tuttavia, è di vederla cantare, durante la serata dedicata alle cover, la difficilissima canzone “Prisencolinensinainciusol/Disc Jockey”, scritta e interpretata originariamente da Celentato in una sorta di inglese maccheronico e del tutto incomprensibile.

Sanremo 2021 per Madame sarà un’importantissima vetrina per mettersi in mostra e farsi notare anche da chi ancora non la conosce, ma una cosa è certa: questa ragazza farà strada.



Marco Nuzzo