Instagram @sonolamadame

Il mio amico: il nuovo singolo della giovane promessa musicale Madame

19 anni compiuti la settimana scorsa e una testa piena di sogni e ricci: Madame è una tra le più promettenti rapper della scena italiana femminile. Venerdì 15 gennaio è uscito il suo ultimo singolo che vanta un featuring con un gigante musicale come Fabri Fibra. E questa in realtà è solo l’ultima di una serie di importanti collaborazioni; nel novero degli artisti con cui ha lavorato troviamo nomi come Marracash, i Negramaro, Ernia, Mecna e Ghali.

Il nuovo brano, che anticipa l’uscita del suo primo album, si intitola Il mio amico e parla dell’amicizia. Sembrerebbe la storia di due amici che contano uno sull’altro, in realtà ascoltando bene il testo si deduce che l’amico forse è il rap. E questo lo dice bene Fabri Fibra:

Sei più di un amico, tu frate sei un mito
Lo so che fa strano, ma parlo del rap

Il pezzo può quindi anche essere inteso come una dichiarazione poetica di che cos’è il rap per Madame (e Fabri), ovvero una salvezza, un amico che ti sta vicino soprattutto anche in quelle notti in cui voglio morire. Un ritmo decisamente diverso rispetto a quelli a cui l’artista ci ha abituati sinora. Che sia un cambiamento della sua produzione musicale? Lo scopriremo, anche perché le aspettative su di lei per questo 2021 sono altissime. La ragazza gareggerà infatti al festival di Sanremo con il brano Voce e sarà la più giovane in gara.

Gli esordi e la carriera di Madame

La sua carriera inizia quando nel 2018 il suo singolo Sciccherie arriva in radio e diventa in poco tempo uno dei pezzi più trasmessi. È un attimo che l’onda del successo travolge questa ragazza originaria di Vicenza. Il brano è giocato tutto su effetti sonori dati da una particolare accentuazione e un’originale pronuncia di determinati suoni.

Dopo poco tempo pubblica il suo secondo singolo dal titolo 17, con cui racconta la posizione delle donne nella scena rap italiana:

Ehi, lover
Ma serve liberarsi dalle gonne
Perché la musica rap piaccia agli uomini
Non basta la voce, la penna, lo stile
Il cuore in gola alla fine
Forse no, ehi, ehi, ehi

17 è inoltre un pezzo assolutamente autobiografico in cui Madame si racconta senza maschere, descrivendo quelle che sono le insicurezze di una giovane donna che non ha ancora imparato a piacersi e che vorrebbe somigliare di più alla sua amica Anna. Un testo in cui descrive al meglio il disagio che possono provare le giovani ragazze che si vedono così lontane dagli ideali di bellezza proposta dalla società di oggi. Si tratta di un inno atto ad esorcizzare con il canto ciò che può far star male. E l’obiettivo è certamente stato raggiunto.

Madame ha tenacia e sicuramente non le manda a dire. Il pezzo La promessa dell’anno è esemplificativo di come questa ragazza non abbia la minima intenzione di farsi mettere i piedi in testa. Il testo propone una riflessione sul mondo dei media e dei giornalisti che l’hanno spesso criticata e attaccata.

Non abbiamo la sfera di cristallo per poter prevedere il futuro, ma siamo certi che questa giovane ha appena iniziato a far parlare di sé. Potrà piacere o no, ma certamente è lodevole che proponga testi così impegnati e con tematiche che escono fuori dal comune. E poi non è sicuramente da tutti partecipare al festival di Sanremo e non aver nemmeno 20 anni.



Eleonora Corso