Il “Melodrama” di Lorde: uno degli album più attesi del 2017

In MUSICA, SPETTACOLO by Sandy SciutoLeave a Comment

E’ il 16 giugno 2017 e, in tutti i suoi social, Lorde annuncia così il suo ritorno nel panorama musicale con l’album “Melodrama” lanciato in tutte le piattaforme digitali internazionali: “Melodrama is officially out EVERYWHERE. I don’t even know what to say 😭 this is my heart!”.

A 16 anni è stata travolta da un successo planetario. Con “Pure Heroine”, il suo primo disco, Lorde, al secolo Ella Yelich-O’Connor, ha venduto quattro milioni di copie e ha conquistato tre dischi di platino in America, un BRIT e ben due Grammy Awards. E con “Melodrama” c’è il rischio che possa replicare il grande apprezzamento avuto da critica e fan, se non addirittura moltiplicarlo!

Il disco è il riassunto della vita dell’artista degli ultimi quattro anni che, prima di essere una cantante internazionale amata in tutto il mondo, è una ragazza di appena vent’anni. Lorde non fa che cantare nel disco di quanto il successo l’abbia stordita e allo stesso tempo fermata nel proseguimento della sua esistenza. Per questo motivo, ha ricominciato da se stessa: ha riscoperto gli amici e la condivisione delle serate in discoteca tra drink e risate, ha preso i mezzi pubblici sperando di non essere riconosciuta e si è innamorata. Solo quando la storia d’amore è giunta al termine, Lorde è tornata seriamente alla musica, ricomponendo tutti i pensieri, le esperienze e le emozioni degli ultimi anni e regalandoci un album totalmente biografico, vero e meraviglioso.

Come la stessa Lorde ha raccontato: Nell’album si parla di dolore, ma anche di gioia. Del processo di scoperta della gioia e della riappropriazione della gioia. È come piangere e danzare in parti uguali.

Il disco che in copertina ha la cantante neozelandese dipinta mentre è distesa in un letto semicoperta in un’ambientazione quasi completamente sulle tonalità del blu, è stato prodotto da Jack Antonoff e Frank Dukes. Contiene undici canzoni in cui Lorde unisce testi autobiografici a sonorità in cui l’elettronica si mescola con il pop e la dance.

Ed è questa la grande scommessa vinta da Lorde: aver sperimentato un nuovo sound e aver creato un album sofisticato, aggraziato ed impreziosito dalla sua voce così particolare ed inimitabile (nonostante molti abbiano tentato di riprodurla). David Bowie è stato lungimirante nel definire Lorde “il futuro della musica”.

Il primo singolo estratto da “Melodrama” è stato “Greenlight” – il cui video ufficiale in poco tempo ha raggiunto oltre settanta milioni di visualizzazioni su YouTube – e a cui son seguiti i brani “Liability” (una delle ballads dell’album insieme a “Writer in the dark”) e “Perfect Places”. Restano indimenticabili le canzoni “Supercut”, “Sober”, “Homemade dynamite” e ”The Louvre”.

C’è così tanta vita e così tanta gioia insieme che l’album merita non solo di esser inserito nella propria playlist, ma di esser soprattutto annoverato anche nella lista degli album più belli del 2017 (seppur il 2017 non sia ancora finito).

All’album è stato affiancato il “Melodrama World Tour” che inizierà il 26 settembre all’O2 Apollo di Manchester e toccherà le principali capitali d’Europa, Australia e Nuova Zelanda per finire il 26 Novembre alla Sidney Myer Music Bowl di Melbourne. Lorde canterà anche in Italia con un’unica data: il 12 ottobre al Fabrique di Milano.

Buon ascolto!

 

 

About the Author
Sandy Sciuto

Sandy Sciuto

Facebook Twitter Instagram LinkedIn

Praticante Avvocato del Foro di Catania. Nata il 4 marzo come Lucio Dalla e mancina come Mozart, Steve Jobs e Leonardo Da Vinci. Amante del bello e della mia Sicilia che non smetto mai di scoprire e di fotografare. Sono una serie tv dipendente e una cinefila dell’ultim’ora. Divoro libri da quando lessi “Storia di una capinera” durante l’estate del ’97 e, ad oggi, preferisco Pirandello e Camilleri a qualsiasi storia su maghi, draghi o roba simile.