Lord Voldemort è tornato – Come potrebbe nascere un fantastico film

In #Focus, #Reportage, #Weeklysh*t, SPETTACOLO, WEB by Andrea CalabròLeave a Comment

Oggi noi di Social Up, abbiamo incontrato per voi i membri della Freshcream Production, una casa di produzione cinematografica indipendente, presente su internet già da diversi anni e che oggi incontriamo per parlarvi del loro nuovo straordinario successo. Il loro progetto ha inizio il 12 Marzo del 2016 quando lanciano la loro campagna di crowdfunding su Kickstarter per promuovere la produzione di un progetto noprofit davvero interessante.

“Dopo essersi diplomato alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, Tom Riddle scompare, per tornare indietro dieci anni dopo, con nuovi poteri e un nuovo nome. Il suo viaggio in cerca dei segreti della magia oscura lo ha profondamente cambiato, ed è compito di due vecchie conoscenze, quello di fermarlo prima che egli raggiunga il proprio obiettivo: l’immortalità.”

Molti di voi avranno già capito di cosa si tratta. Un fanfilm ispirato all’universo del maghetto da noi tanto amato: Harry Potter. I ragazzi di Freshcream Production hanno avuto l’idea geniale di pensare ad una trama che si legasse in qualche modo al personaggio di Tom Riddle, Lord Voldemort insomma.

 

Per questa intervista ci siamo rivolti ai quattro ragazzi che hanno speso le loro forze per portare avanti al progetto, ovvero Gianmaria Pezzato, Stefano Prestia, Davide Panizza Simone Panza.

La campagna della casa produttrice è quello di raggiungere i 15.000 € per coprire i costi di produzione, che includono: costumi e oggetti di scena, animazioni 3D ed effetti speciali, musiche e sound design, fotografia e fotografia aerea, video di repertorio, trucco, locations, e tutto il necessario per la realizzazione del film.

Per supportare questo ambiziosissimo progetto potrete donare la cifra che preferite, da un euro a centomilionidimiliardi di euro. Una volta giunta al termine la campagna, riceverete uno dei gadget, in base alla somma che avrete donato. Iscrivetevi al loro Canale Youtube e seguiteli sui social networks (FacebookTwitterInstagramTumblr) per avere sempre gli ultimi aggiornamenti.

Come nasce il progetto “Voldemort is Back”?

L’idea è nata rileggendo il sesto libro della saga, Harry Potter e il Principe Mezzosangue. C’è un scena in particolare, quella in cui Tom Riddle torna a Hogwarts per chiedere ad Albus Silente la cattedra di Difesa contro le Arti Oscure. Ci siamo chiesti: quale percorso ha portato Tom Riddle a diventare Voldemort? Ci sono alcuni indizi nei libri, ma molto non viene detto. Questa è la storia che vogliamo raccontare.

La vostra passione per il cinema è evidente, così come la vostra bravura. Raccontateci un pò più di voi e sul vostro cast…

Siamo quattro ragazzi con percorsi formativi diversi, chi ha frequentato una scuola di cinema, chi l’accademia di belle arti, chi è esperto di informatica e sound design, chi studia lettere; le nostre diverse competenze ci permettono di lavorare in modo complementare. Ma soprattutto siamo quattro amici che hanno deciso di provare a fare cinema. I nostri attori arrivano tutti dalla scuola EstroTeatro di Trento, con la quale collaboriamo. Alcuni sono allievi, altri insegnanti.

La campagna di kickstarter ha già dato degli ottimi frutti! Congratulazioni, una volta conseguito il vostro obiettivo cosa regalerete ai vostri fans?

Abbiamo in programma diversi perks, come indicato sulla pagina di Kickstarter, a seconda di quanto ciascuno ha donato. Ma il regalo principale sarà il film vero e proprio.

Magari qualcuno ancora non vi conosce e non sa bene cosa sia kickstarter: ci spiegate come e perché sostenervi?

Kickstarter è una piattaforma che permette di finanziare progetti di qualunque tipo attraverso il crowdfunding, ovvero la donazione di denaro da parte del pubblico interessato. In pratica tu paghi il biglietto per permettere di realizzare il film. Se non si raggiunge la cifra prefissata, il progetto non parte e tutti i soldi ritornano ai rispettivi donatori, e questo è un modo per tutelare i supporters. Il nostro progetto è no-profit, nel senso che noi non monetizzeremo in alcun modo il film, e nessuno di quelli impegnati nelle riprese lo farà per soldi, ma a titolo di volontariato, perché crede nella storia che vogliamo raccontare. I soldi serviranno a coprire le spese vive di produzione (cibo, benzina, costumi, etc).

Ci raccontate qualcosa di più sui personaggi che possiamo vedere nel trailer?

Abbiamo deciso di introdurre due personaggi inediti: Wiglaf Sigurdsson, un potente stregone del nord dal carattere ombroso, e Grisha Mac Laggen, una maga dal cuore gentile, una delle poche persone che aveva stretto un legame con Tom Riddle ai tempi di Hogwarts. Toccherà a loro ostacolare l’ascesa del Signore Oscuro.

Anche la Rowling vi ha fatto i complimenti! Vi aspettavate questo riconoscimento?

Era un pesce d’aprile. Ci piacerebbe lo facesse davvero.

Cosa ritroviamo di ciò che ha già raccontato la Rowling nel vostro progetto?

Quello che sulla giovinezza di Voldemort si trova nei libri lo abbiamo tenuto. I brevi momenti alla ricerca degli Horcrux, il dialogo con Silente al suo ritorno dall’Est. Ma molto è lasciato nell’ombra, e in quelle aree d’ombra ci permetteremo di creare.

Potete regalarci qualche chicca che dal trailer non possiamo evincere?

Diciamo che sicuramente ci sarà una breve apparizione di qualche personaggio della saga di Harry Potter (da molto giovane ovviamente). Forse un qualche auror…

Complimenti per gli effetti speciali! Potete raccontarci qualcosa sul lavoro di postproduzione? Qual è stata la parte più difficile?

La cosa più interessante è stata la realizzazione degli incantesimi, in quanto le magie non sono semplici luci, ma si è cercato di dargli una fisica vera e propria creando anche una coerenza di luce e movimento con l’ambiente circostante. La parte del Quidditch poi è stata sicuramente molto ostica, far credere che un gruppo di attori ripresi in posizione quasi statica stessero in realtà sfrecciando nel cielo in un ambiente 3D ha creato di certo non poche complicazioni.