Artista: Mikulas Podprocky - Fpnte: Artstation

La Trilogia dei Draghi di Michael Swanwick – fantasy da non credere!

La Trilogia dei Draghi di Michael Swanwick vi farà vedere il fantasy con occhi diversi. E non quelli da elfo di Legolas… anche se sempre di elfi si parla! Avete sempre pensato che il fantasy sia solo quello di Tolkien? Se avete voglia di cambiare idea, siete nel posto giusto.

L’autore

Michael Swanwick
Fonte: Wikimedia Commons

Michael Swanwick è uno scrittore statunitense. Ha vinto cinque premi Hugo per il miglior racconto breve, un premio Nebula per il miglior romanzo e un premio Alex. In Italia non è ahimè conosciuto come meriterebbe, anche se Mondadori e Fanucci hanno tradotto e curato alcuni dei suoi libri.

I lavori di Michael Swanwick non sono mai banali. Persino i punti di partenza più comuni (pensiamo ai viaggi nel tempo) vengono esplorati in modi visionari, eppure al tempo stesso molto verosimili e concreti. I romanzi di Swanwick non sono facilmente catalogabili in un genere: fantasy, cyberpunk, sci-fi si intrecciano al New Weird, dando vita a mondi originali che però riecheggiano di tradizione e leggenda.

I romanzi

La Trilogia dei Draghi è l’esempio più lampante di questa mescolanza di generi.

Michael Swanwick
Fonte: librinuovi.net

Le storie non sono consequenziali e nulla vi impedisce di iniziare dall’ultimo libro! Casomai voleste favorire, lasciate che vi proponga il primo romanzo: La figlia del drago di ferro (The iron dragon’s daughter, edizione italiana a cura di Fanucci Editore col nome di Cuore d’acciaio) ci mette nei panni di Jane, una giovane “scambiata dagli spiriti”, ossia una ragazzina umana rapita dal nostro mondo e portata a lavorare nel mondo delle fate. Solo chi ha ferro nel sangue può lavorare a contatto coi draghi, che nella Faerie descritta da Swanwick sono macchine da guerra e al tempo stesso esseri senzienti, distruttivi e crudeli.

Ed è un drago a sconvolgere il mondo di Will, il protagonista de I draghi di Babele (The dragons of Babel, vincitore del Premio Alex nel 2009; edizione italiana a cura di Mondadori). La malefica macchina da guerra si trascina nella piazza del suo villaggio e prende in ostaggio il giovane, corrompendo la sua anima al punto che, una volta morto il drago, Will verrà esiliato dando inizio al suo peregrinare.

Michael Swanwick
Fonte: Amazon

Minore importanza hanno i draghi nel terzo romanzo, The iron dragon’s mother, uscito nell’estate 2019. La protagonista, Caitlin of House Sans Merci, è una giovane pilota di draghi… che però non rimane tale a lungo. Una Cospirazione chiamata, appunto, Cospirazione (si farà dell’ironia sulla creatività in fatto di nomi) la farà passare come colpevole dell’assassinio del suo amato fratello. Come farà Caitlin a ripulire il proprio nome?

L’ambientazione

A fare da sfondo a questi tre romanzi c’è una Faerie caotica e inquietante; un miscuglio di magia e tecnologia, di modernità e di primitività. Gli elfi di “questa” Faerie sono ben lungi da essere creature eteree e nobili. Anzi! Gli elfi devono comportarsi nel modo più immorale possibile se vogliono rimanere terreni e non dissolversi. Queste creature si impegnano a essere spietate, e sono al vertice della società di Faerie. Ciò rende le vicende dei tre protagonisti spaventose e al tempo stesso affascinanti, la stessa fascinazione che ci porta a guardare i documentari sui serial killer.

Michael Swanwick
Fonte: mondourania.com

Sono riuscita a incuriosirvi? O forse le storie cruente non sono proprio il vostro genere? Mondadori ha raccolto nel volume I draghi del ferro e del fuoco i primi due romanzi. Devo avvertirvi: al momento il romanzo che chiude la trilogia non è stato tradotto in italiano. L’inglese di Swanwick non è dei più semplici, e suggerisco la lettura solo a chi è già a suo agio con la lingua. Gli altri dovranno aspettare… cercate di non dissolvervi nell’attesa!



Giulia Taccori