Da www.wallpaperaccess.com

Kaos: preparatevi all’arrivo degli Dei nella nuova serie Netflix

Che voi siate appassionati di serie TV o di mitologia greca o perché no, di entrambe, questo è l’articolo che fa per voi. Oggi parliamo di “Kaos”, la nuova serie televisiva prodotta da Netflix e disponibile prossimamente sulla piattaforma.

La multinazionale statunitense, un po’ sulla scorta del fenomeno Percy Jackson, fenomeno qualche anno fa, a dire il vero, ha ordinato la produzione di una serie basata sulle divinità greche e romane.

A capo del progetto troviamo Charlie Covell, creatore dell’apprezzatissima “The end of the f****** world”. “Kaos” sarà, stando ai rumors, una serie dark comedy in cui non mancherà lo stile epico di “Game of Thrones”, il tutto in chiave moderna.

Un prodotto ambizioso che punta a unire epica e società moderna, mito e attualità; stando a quanto appare nella pagina di presentazione della serie su Netflix, infatti, “Kaos” andrà a riguardare importanti tematiche attuali come la politica di genere, il potere e la criminalità e la vita nei bassifondi.

La serie, ordinata nel giugno 2018, dovrebbe essere girata a giugno 2020, per poter andare in onda nel 2021. Vista la situazione attuale legata alla diffusione del Coronavirus, però, è difficile che i tempi siano rispettati.

Si conosce già qualcosa della trama: il primo episodio, infatti, sarà incentrato sul mito di Orfeo e Euridice. Ripassiamolo in maniera velocissima: il mito racconta la storia d’amore tra Orfeo, un giovane poeta musicista ed Euridice, una bellissima ninfa. Per via di uno spasimante innamorato della donna il loro rapporto è reso difficile; dopo la morte di Euridice per via di un serpente velenoso, Orfeo scende nell’inferno per riportarla in vita.

Il mito di Orfeo ed Euridice in un dipinto attribuito a Tiziano. Da www.wikipedia.org

Se c’è qualche professoressa di greco che ci sta leggendo, chiediamo scusa per l’estrema semplificazione di questo bellissimo mito, ma non è questa la sede più adatta per riportarlo interamente.

Lo show dovrebbe avere una durata complessiva di 10 ore, e andrà a toccare tre mondi: quello terreno, gli Inferi (appunto) e il mondo degli Dei.

“Kaos” ha già fatto parlare di sé per via di una scelta discutibile degli autori. Il primo logo ufficiale, infatti, riporta il titolo scritto in questo modo: “KΛΘS”. In greco, in realtà, il termine “Kaos” come lo intendiamo noi si scrive “ΧΑΟΣ”. Probabilmente si è messo da parte il greco per dare spazio a quello che è l’impatto visivo. Perché scritta così, “KΛΘS” sarebbe KLTHS. Ma ci passiamo sopra senza troppe lamentele.

Che ne pensate, dunque, di questa serie? La guarderete? Noi assolutamente sì!



Marco Nuzzo