ioviaggiosacasa

Il fotografo Jacopo Brogioni lancia la sfida: #ioviaggiodacasa

La quarantena è ormai una condizione che ci accomuna tutti. Restare a casa è diventato non solo un must, ma un obbligo civico. Partendo da questi presupposti, Jacopo Brogioni, autore e fotografo di viaggio, aderendo all’appello #iorestoacasa per l’emergenza Coronavirus ha deciso di lanciare una nuova campagna: #Ioviaggiodacasa.

L’iniziativa, lanciata su Instagram, invita tutti a continuare a viaggiare, però, con la mente e con le immagini. Dal suo profilo Jacopo Brogioni, ogni giorno, posta una foto di un viaggio e invita tutti a fare la stessa cosa. Un modo per sentirsi vicini agli altri, amici e colleghi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Cap Vert Peninsula, Senegal 🇸🇳. ©️JacopoBrogioni ALL RIGHTS RESERVED

Un post condiviso da Jacopo Brogioni (@jacopobrogioni) in data:

LA CAMPAGNA #IOVIAGGIODACASA

“Fino a qualche settimana fa viaggiare era semplicissimo. Spostarsi, scoprire nuovi luoghi, conoscere altre persone e altre culture era la normalità. Bastava prendere un aereo, un treno, la macchina… Il mondo ha accorciato le sue distanze, tutto è a un passo ma adesso, improvvisamente, questo passo è diventato incredibilmente lungo. In questo tempo indefinito possiamo però continuare a viaggiare, con la mente e con le immagini. Ogni giorno posterò almeno una foto di viaggio per far sì che questo periodo passi il più in fretta possibile e invito tutti i miei colleghi e amici a fare lo stesso (basta anche un singolo post) usando l’hashtag #ioviaggiodacasa . Portatemi lontano!”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Santorini, Greece 🇬🇷. July 2019 #shotoniphone

Un post condiviso da Jacopo Brogioni (@jacopobrogioni) in data:

Il Covid-19 ci costringe in casa, rendendo impossibile non solo viaggiare, ma anche spostarsi liberamente nella propria città. In un mondo globalizzato e senza frontiere, ci ritroviamo catapultati e rinchiusi tra mura invalicabili. Le distanze tra un luogo a un altro si sono accorciate, ma ora, risultano più lunghe che mai. Impossibile è vivere la propria quotidianità, incontrare persone e condividere momenti sociali. Per i traveller victims è una pena enorme da scontare. Chi vive con un biglietto aereo stretto nella mano e un secondo già prenotato, questa di restare a casa è un vero castigo, una condanna: provare le pene della claustrofobia. Ecco che dunque, l’iniziativa di Jacopo Brogioni, #ioviaggiodacasa trova il suo posto e allieva, per quanto possibile, questo senso di nuova inadeguatezza.

Jacopo Brogioni

è un autore e fotografo di viaggio. I suoi scatti rivelano l’essenzialità del volto umano e su ciò che esso può trasmettere. I suoi ritratti raccontano le differenze caratteriali e culturali in maniera diretta e scevra da ogni intermediazione tra il soggetto e lo spettatore. La sua ricerca si concentra sull’essere umano immerso nel suo contesto geografico, storico e sociale. Intende ogni suo viaggio come un progetto e ogni Paese come un grande set in cui ritrarre storie di vita quotidiana. I viaggi più importanti l’hanno portato a Cuba, in Ecuador, Cina, Corea del Nord e Nepal. Proprio l’esperienza fatta in Nepal è stata alla base di Bring Back Those Colours, un progetto in favore dell’UNICEF a sostegno della popolazione colpita dai terremoti, in mostra al MAXXI di Roma e ad EXPO 2015 presso il padiglione Russia e Nepal.



Benito Dell'Aquila