Fonte: Il Cesto d'Italia

Dalla terra alla tavola: alla scoperta de Il cesto d’Italia

Proseguiamo nel nostro viaggio culinario alla scoperta delle piccole eccellenze d’Italia. Oggi ci troviamo fisicamente in Lombardia, ma con il gusto in svariate regioni italiane.

Nei precedenti articoli vi abbiamo fatto conoscere alcune aziende che producono e rivendono materie prime di altissima qualità. Oggi, invece, vogliamo presentarvi Il Cesto d’Italia, una piccola startup gastronomica che si occupa della vendita di prodotti realizzati da altre piccole aziende, per lo più a conduzione familiare, delle varie regioni d’Italia. L’obiettivo de Il Cesto d’Italia è molto simile a quello della nostra rubrica: valorizzare e dar voce alla genuinità e alla qualità dei prodotti di quelle aziende che, a causa del proprio isolamento geografico e digitale, fanno fatica a farsi conoscere.

Fonte: Il cesto d’Italia

Il cesto d’Italia è stata fondata da Antonio Umberto Bisignano che, alla fine di un viaggio tra Puglia e Sardegna insieme ad altri tre amici, Thomas Di Pumpo, Paola Ferrario e Carmela Santamaria, ha cercato un’idea che potesse raccontare l’Italia più autentica, trovandola proprio nei cibi che loro stessi hanno assaporato e gustato. Grazie a quel viaggio, questi ragazzi sono entrati in contatto con alcune delle aziende che oggi promuovono. Col tempo, la lista è cresciuta ed oggi si contano più di dieci aziende collaboratrici.
Inoltre, tra i progetti per il futuro, c’è l’idea di rivendere dei prodotti che portino il marchio Il cesto d’Italia e già ora è disponibile una marmellata di arance prodotta da una cooperativa catanese.

Pur operando per lo più nel milanese, Il cesto d’Italia copre tutto il territorio italiano, sia dal punto di vista logistico che gastronomico. Andando sul sito www.ilcestoditalia.it, è possibile scegliere tra una modesta selezione di pasta trafilata al bronzo, riso, miele e confetture, formaggi, salse, olio e tanto altro e creare il proprio box personalizzato.

Fonte: GuacaMau

Tramite WhatsApp (+39 371 138 1793), il cliente può mettersi in contatto con lo staff, sempre disponibile a fornirgli consigli e aiutarlo nella scelta dei prodotti da inserire nel suo box. In questo modo, ci racconta Antonio Umberto, si instaura un rapporto di fiducia col cliente, così come accadrebbe in un negozio fisico. La fidelizzazione del cliente è uno dei princìpi su cui si basa Il cesto d’Italia, tanto da offrire, oltre alla classica formula “one shot”, anche un abbonamento mensile per i clienti più affezionati, così che possano ricevere tutti i mesi il box con i propri prodotti preferiti. Per i nostri lettori di Social Up, siamo riusciti ad ottenere uno sconto del 20% sul primo acquisto. Per poterne usufruire, basta semplicemente far presente il codice “SOCIALUP20” in fase d’ordine. Attualmente, il canale di vendita si basa esclusivamente su WhatsApp, ma non si esclude in futuro l’evoluzione del sito in un e-commerce più tradizionale e, chissà, magari l’apertura di un punto vendita fisico a Milano.

Intanto, se volete incontrare questi giovani imprenditori e magari assaggiare i loro prodotti, potete farlo in occasione di eventi ed aperitivi organizzati in alcuni locali di Milano e dei paesi limitrofi. Per conoscere il calendario degli eventi (attualmente in fase di ri-pianificazione, causa Covid19), vi suggeriamo di seguire le pagine social de Il cesto d’Italia Facebook e Instagram.

Per ora, vi lasciamo un loro piccolo video saluto, con la speranza possiate conoscere presto e apprezzare questi ragazzi, che dimostrano di avere tanta voglia di fare e una missione degna di nota: valorizzare la microeconomia dei territori e preservarne le tradizioni e le loro identità.

 

Miskiglio al peperone di Senise e mollica di pane rustico

Fonte: GuacaMau

Passiamo ora alla ricetta di oggi! Tra i prodotti offerti da Il Cesto d’Italia, è possibile trovare la pasta Miskiglio con una polvere di peperone di Senise da usare come condimento. Vediamo quindi questa antichissima ricetta lucana, che si tramanda dalla fine del 1500!

Ingredienti (per 2 persone):

  • 200 gr di Miskiglio
  • ½ bustina di polvere di peperone
  • 2 fette di pane rustico con semi di girasole, sesamo e lino
  • Olio EVO q.b.
  • 1 spicchio di aglio

 

Procedimento:

Cuocere la pasta in abbondante acqua bollente e salata per 9-10 minuti.

Intanto, riscaldare in una padella antiaderente l’olio e l’aglio, precedentemente sbucciato e privato dell’anima.

Tagliare in piccoli quadretti le fette di pane, rimuovere l’aglio dalla padella, versarci i pezzetti di pane e farli dorare. Aggiungere quindi la polvere di peperone.

Fonte: GuacaMau

Scolare la pasta ed amalgamare il tutto. Per rendere la pasta più cremosa, aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura.

A piacere, versare un filo di olio EVO crudo e gustarvi la vostra Miskiglio.

Buon appetito!

Fonte: GuacaMau



Maura Perra