Il viaggio del gorilla Joshi: dall’Inghilterra al Congo per salvare la specie

Il Congo ha un nuovo e speciale abitante. Il suo nome è Joshi ed è un gorilla di 13 anni atterrato in Africa centrale per compiere un’importantissima missione: salvare la sua specie. Nato e cresciuto a “Howletts Wild Animal Park” nel Kent, in Inghilterra, il gorilla ha affrontato un lungo viaggio per ritornare in quella che è stata per anni la casa della sua specie. Un biglietto di solo andata dalle campagne inglesi fino alle foresti pluviali della Riserva Naturale di Lesio-Louna per tornare finalmente a casa.

Fonte: www.dailyadvent.com

JOSHI: IL “SALVATORE” DEI GORILLA DELL’AFRICA CENTRALE

L’iniziativa è parte del progetto “Overseas” promosso dal parco inglese in collaborazione con l’organizzazione no profit “The Aspinall Foundation”. Scopo principale quello di riportare gli animali nel loro habitat naturale e permettere il ripopolamento della specie. I gorilla , infatti, sono inseriti nella lista rossa internazionale delle specie minacciate e la loro esistenza è seriamente in pericolo. Negli ultimi 25 anni il loro numero è diminuito di circa il 60%. Nella foresta congolese, questa specie di gorilla era stato spazzato via da caccia, distruzione dell’habitat e virus ebola.

blog.aspinallfoundation.org

JOSHI: 190 KG DI GENTILEZZA

In 30 anni la fondazione ha riportato a casa più di 70 esemplari e 35 sono i nuovi nati. “Stiamo ripristinando gli habitat naturali e, si spera, stiamo anche dando loro una migliore possibilità di vivere vite che dovrebbero condurre”, ha dichiarato Amos Courage, direttore del progetto. “Ho un po’ di trepidazione perché so di Joshi ed è un gorilla dal carattere dolce e spero che possa  vivere una vita selvaggia. Questa è sempre stata la ragione che ci spinge a farlo.” Il gorilla, infatti, è stato scelto proprio per il suo temperamento mite, per le sue “buone maniere” che di certo attrarranno gli esemplari femmine.

Della natura selvaggia Joshi dovrà imparare tutto. Per questo, per i primi mesi li trascorrerà in un’area recintata per abituarsi al clima ed imparare a procacciarsi il cibo. A fargli compagnia due cuccioli di sei anni, Leila e Bomassa. Saranno loro ad insegnargli le regole della giungla.



Catiuscia Polzella