Hotel Stanley: fotografato il fantasma “Lucy”

Le storie di fantasmi dell’Hotel Stanley, in Colorado, sono ben note. In parte, grazie al fatto che l’hotel è stato di ispirazione a Stephen King per il suo romanzo Shining. Un visitatore, che ha partecipato a un ghost tour all’interno dell’edificio, crede di aver catturato in una fotografia una delle leggende più inquietanti dell’hotel, alimentandone la credibilità.

Stephanie Reidl, dell’Ohio, aveva visitato recentemente il famoso hotel infestato e aveva deciso di avventurarsi in uno dei ghost tour notturni che fanno al suo interno. Dopo aver ascoltato la guida, che raccontava storie sui numerosi fantasmi dell’edificio, Reidl e il suo collega cominciarono a scattare foto mentre si dirigevano nella sala concerti, nel seminterrato. Subito dopo aver rivisto le foto, notarono di aver catturato la classica manciata di “orb”. Tra queste foto, però, c’era un’immagine in particolare che catturò la loro attenzione.

Lo scatto mostrava la guida scendere le scale ma alla sua sinistra, nascosta dietro un tavolo, appare l’immagine spettrale di una giovane ragazza dai capelli scuri e un vestito rosa, in cui occhi riflettevano la luce del flash. È un immagine innegabilmente spaventosa e si pensa mostri Lucy, uno dei fantasmi più famosi dell’Hotel Stanley.

“Abbiamo detto di aver fatto un sacco di foto, sono sicura di aver catturato degli orb e dei fantasmi” scrive la Reidl. “Nelle foto sono stati catturati molti orb verdi, ma penso non ci sia niente di più inquietante della foto fatta dal mio collega: una ragazzina in abito rosa, che non era di certo nel nostro tour…sono sicura sia il fantasma di Lucy”.

Secondo l’hotel, Lucy era una giovane ragazza di circa 13 anni. Si pensa si trattasse di una ragazzina scappata di casa che aveva occupato abusivamente il seminterrato dello Stanley, per qualche tempo molti anni fa. Quando gli uomini della manutenzione andarono ad ispezionare lo scantinato, prima della costruzione principale al di sotto della sala concerti, trovarono Lucy e la costrinsero a lasciare la struttura. Quella stessa notte, le temperature erano scese al di sotto dello zero e, a causa delle intemperie, venne trovata qualche giorno dopo morta assiderata. Tuttora molti lavoratori ed ospiti dell’hotel affermano di averla vista.

La Reidl dice di comprendere lo scetticismo a cui può andare incontro postando l’immagine online, ma giura che la foto è autentica. “Sebbene dubito che qualcuno possa credermi, c’è stata una sola volta durante il tour dove ho sentito una strana energia o sensazione, ed era proprio lì, mentre mi dirigevo verso lo scantinato della sala concerti”.

Può essere la Reidl la prima persona ad aver catturato l’immagine di Lucy rendendo nota la sua presenza dall’oltretomba? O forse si tratta di una ragazzina, che vaga tra le sale dell’Hotel Stanley alle 9 di sera, sperando di spaventare gli ospiti durante il ghost tour?