radiofreccia.it

Gli Imagine Dragons stupiscono ancora con Mercury – Act 1

Gli Imagine Dragons sono ufficialmente tornati con Mercury – Act 1, quinto disco in carriera arrivato dopo tre anni da Origins e dai successi ottenuti con hit record come Believer, Thunder e Whatever It Takes, che hanno aumentato a dismisura il successo della band in tutto il mondo. L’obiettivo di questo album, secondo quanto affermato dalla stessa band, è quello di abbracciare al massimo il lato emotivo delle canzoni, lasciando da parte la ricerca di testi estremamente metaforici che oscurassero, in qualche modo, il vero messaggio della canzone stessa.

Sebbene la band di Radioactive sia sempre stata capace di offrire ai suoi fan entrambi gli aspetti, metafore ed emotività, con questo album, che prende origine dalla parola mutevole, il che è già di per sé un ottimo indizio, gli Imagine Dragons hanno puntato tutto il loro sforzo sul dare importanza al significato trasmesso, creando un album pieno di canzoni profonde, per non dire strappalacrime, che permettono a chi le ascolta di mettersi in dubbio, e forse riuscire anche ad ottenere delle risposte mai trovate, ma che sono sempre state cercate.

Ed è così che il frontman della band, Dan Reynolds, descrive il nuovo progetto:

L’intero album parla di alti e bassi, da qui arriva il titolo “Mercury”. È di questo che parla davvero il disco, affrontare il dolore, affrontare la perdita di persone e anche celebrare la vita

Questa nuova era discografica è iniziata con il rilascio dei primi due singoli Follow You e Cutthroat, il primo certificato platino in Italia dopo pochi mesi dal suo rilascio ufficiale. Con Follow You Dan Reynolds ha voluto raccontare artisticamente uno dei momenti più bizzarri della sua vita, emotiva e non. Infatti, il brano è stato scritto poco dopo aver deciso, insieme a sua moglie, di rimandare, e poi annullare, la firma delle carte per il loro divorzio. Questo perché, come raccontato dallo stesso cantante, e poi romanzato nella canzone, nel momento in cui stava per firmare i documenti ha ricevuto un messaggio da sua moglie che, improvvisamente, gli ha fatto cambiare idea, tornando così sulla strada dell’amore e del perdono reciproco.

Wrecked, invece, oltre ad essere uno dei migliori brani dell’intero progetto, che incarna alla perfezione le intenzioni della band di puntare molto sul significato profondo ed emotivo delle canzoni, è il secondo singolo ufficiale ed anche uno struggente sfogo sul dolore derivato dalla perdita di qualcuno a cui si tiene molto, seguito dalla consapevolezza di dover andare avanti, portando con sé però sempre il ricordo.

A questo proposito, Reynolds ha dato via al processo di scrittura di questo capolavoro dopo aver perso sua cognata a causa di cancro, motivo per cui il dolore della perdita è perfettamente consono a questo contesto. Wrecked è così una delle tante canzoni all’interno di Mercury – Act 1 in cui l’ascoltatore potrà non solo immedesimarsi, ma anche portare con sé nella propria vita sentendosi più compreso e meno solo.

Questo quinto album conferma ancora una volta la maturità artistica della band e la sua capacità nel creare dei progetti altamente emotivi, riuscendo a raccontare così sentimenti come il dolore, la perdita, la sconfitta ma anche la speranza e l’amore in modi in cui davvero pochi artisti siano mai riusciti a fare.

Top 👍: My Life, Lonely, Wrecked, Giants

Flop 👎: /

Voto: 8.5/10



Marco Russano