Fedez, i motivi della lite con J-Ax e Rovazzi

Fedez, ospite giovedì sera alla trasmissione La Confessione, ha deciso di svelare le motivazioni dietro l’allontanamento tra lui e il collega, nonché migliore amico, J-Ax. Durante la lunga intervista, il rapper milanese ha usato parole molto dure nei confronti dell’ex articolo 31, colpevole, secondo lui,  di un tradimento imperdonabile durante la loro collaborazione. “Se avessi saputo, non avrei fatto San Siro” dice un Fedez commosso a Peter Gomez.

Risultati immagini per peter gomez fedez

Il racconto di Fedez

Secondo il punto di vista del cantante, un suo ex collaboratore con cui aveva fondato Newtopia (etichetta discografica indipendente), dopo aver creato una seconda etichetta speculare, avrebbe tentato di diventare il manager di Fedez, soppiantando la madre del cantante. Al rifiuto di Fedez, questa persona avrebbe sfruttato un periodo difficile del rapper (la gravidanza di Chiara Ferragni, e i problemi di salute del piccolo Leone appena nato), per portare nella sua società “la restante parte del gruppo”, ovvero J-Ax e Fabio Rovazzi. 

Se Rovazzi non ha esitato più di tanto a cambiare bandiera (sempre secondo la ricostruzione di Fedez) J-Ax avrebbe deciso di nascondere la propria decisione fin dopo il concerto a San Siro, ben consapevole del fatto che, se Fedez lo avesse scoperto, avrebbe annullato l’evento.

“Il giorno in cui mi ha detto questa cosa, lui è sparito, non solo per me, ma per tutti quanti. Noi avevamo una società con 15 dipendenti, persone adulte, professionisti che hanno deciso di venire a lavorare in una realtà piccola piuttosto che in una multinazionale. Avevamo degli artisti. Lui è sparito senza dire niente a nessuno. Questa cosa mi fa male. Per me era importante. Forse era una cosa che gli era utile per quel momento lì.

Lo stesso Rovazzi è diventato un bersaglio nel mirino di Fedez, colpevole secondo il cantante, non solo di non avergli fatto gli auguri per la nascita del figlio, ma anche di aver mentito a riguardo durante una trasmissione radiofonica. "Mi metto nei suoi panni, è ovvio che non è facile dire davanti a una telecamera 'no, non gli ho fatto gli auguri' ma quando ha detto di si, io ho visto una persona che non conoscevo".

Un’intervista che fa bene all’anima

Dopo un paio di frecciate contro il mondo del giornalismo, Fedez ammette di sapere che l’intervista verrà presa a spizzichi e bocconi e messa su “qualsiasi testata online” in favore di interpretazioni soggettive. E infatti eccoci quaDice però di aver deciso comunque di fare questa confessione per ottenere un po’ di serenità da una situazione che gli ha provocato molto stress. Arrivando a dire a Peter Gomez, in un trionfo di umiltà e buon gusto, che “Questa è la prima volta che io uso voi, e non voi che usate me”. 

Negli ultimi cinque minuti dell’intervista, Fedez ha rivelato di essere a rischio di sclerosi multipla. “Mi è stata trovata una demielinizzazione e io mi sono chiesto ‘Se dovesse succedermi qualcosa, per cosa ho combattuto?’. Allora ho cambiato modo di lavorare, ho messo da parte il rancore”, ha detto, prima di rivolgersi al piccolo Leone a cui augura che “il tuo futuro sia meglio del mio passato”.