eurovision.tv

Eurovision Song Contest 2022: Torino sarà la città ospitante

La città italiana che ospiterà la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest a maggio 2022, la sua sessantaseiesima, tornato in Italia per la terza volta dopo ben 31 anni dal suo ultimo host, ha finalmente un nome ed un programma ben chiaro. La fortunata città ospitante non è altro che Torino, capoluogo del Piemonte, che avrà così l’enorme onore di ospitare uno degli eventi musicali più amati e seguiti in tutto il mondo, insieme all’Half Time del Super Bowl degli Stati Uniti d’America.

La Rai si è fatta attendere molto per comunicare la scelta definitiva della città finale, che ha superato il ballottaggio contro altre 17 città italiane, alcune delle quali molto quotate fino a pochi giorni fa, Milano e Bologna in primis. Altre grandi e rinomate città, come Roma, Firenze e Napoli sono state scartate in precedenza, in quanto non rispecchiavano il profilo indicato non avendo almeno uno dei requisiti richiesti dall’organizzazione centrale del Festival.

Torino x Eurovision sarà finalmente realtà, e avverrà, come già annunciato, nel mese di maggio, più precisamente il 10 e il 12 maggio per celebrare le semifinali e poi il 14 maggio per vivere quella che sarà l’attesissima finale dell’edizione canora. Le tre serate si svolgeranno in uno dei palazzetti più famosi di tutta Italia, il Pala AlpiTour, che da anni ospita gli eventi musicali più importanti del paese, tra cui i concerti degli artisti internazionali più acclamati, come Madonna, Rihanna ed Ed Sheeran.

Ora che il ritorno italiano dell’Eurovision ha finalmente un volto geografico, toccherà scoprire chi avrà il compito di condurre le tre serate. Sebbene negli ultimi mesi, e soprattutto giorni, siano circolate molte voci sui papabili nomi alla conduzione (ancora non vi è alcuna ufficialità) si crede che un paio di nomi siano ormai più che certi.

Infatti, se di Alessandro Cattelan già si parlava da molti mesi, il nome più caldo degli ultimi giorni è stato quello di Mika, cantante di fama internazionale, ovviamente molto apprezzato in Italia, che potrebbe attirare l’attenzione e curiosità di molte persone e fan sparsi per tutto il mondo. Oltre ai due appena citati, anche i nomi di Chiara Ferragni ed Ema Stokholma sembrano essere in pole position, sia per la loro fama a livello internazionale che per la loro ottima capacità comunicativa in inglese, ritenuta un must per la conduzione di un evento del genere.                                        È chiaro che tutti e 4 sarebbero in grado di guidare le tre serate del festival in maniera impeccabile, motivo per il quale anche un’ipotetica conduzione a in gruppo, tipica per l’Eurovision, tra i nomi appena citati potrebbe essere un’ottima alternativa e una grande figura a livello mondiale per l’Italia.

eurofestivalnews.com

La lista dei paesi che parteciperanno a questa edizione italiana del 66º Eurovision Song Contest inizia a prendere forma, con un totale di 33 paesi che attualmente hanno già manifestato il loro interesse nel partecipare alla competizione canora; altri si aggiungeranno nei prossimi mesi e si spera nel fattore sorpresa con i possibili ritorni di paesi che non hanno partecipato nelle ultime edizioni.



Marco Russano