Dimmi che amici hai e ti dirò che amico sei

In EXPERIENCE by Roberta Latorre Comments

Alcuni uomini saggi sostengono che l’amico vero sia una specie in via di estinzione, altri invece, solitamente creature mitiche di cui si narrano le gesta eroiche, sostengono di essere circondati da un numero a dir poco straordinario di amici veri e speciali, suscitando ammirazione e invidia negli stolti, dubbi e perplessità nei più savi.

In questo caso la verità non sta nel mezzo: non esiste una definizione di amico in grado di racchiudere tutte le diverse sfumature che caratterizzano questo misterioso personaggio.

Come possiamo facilmente realizzare dando un rapido sguardo alle nostre vite, in natura esistono diverse tipologie di amici. Andiamo a scoprirle!

  1. Il vecchio amico

Definito anche “amico del cuore”, il vecchio amico è il compagno di sempre. Sulla sua presenza puoi contare in ogni momento. Sua caratteristica principale è la sincerità: non ci penserà due volte a insultarti nel caso tu stia facendo una delle tue solite cazzate, ma gli si vuol bene anche per quello. Il rapporto con il vecchio amico è sempre bilaterale: se hai un vecchio amico, automaticamente sei un vecchio amico. Lo riconosci dallo sguardo complice in grado di leggere alla perfezione il codice a barre della tua mente.

  1. L’amico fattone

A differenza del vecchio amico, sull’amico fattone non puoi contare sempre. Lo si riscontra in natura anche nella variante “amico alcolizzato”. Talvolta disponibilissimo, talvolta irreperibile, l’amico fattone è sempre un grande punto interrogativo, dato il suo proverbiale bipolarismo. Con lui puoi condividere grandi abbuffate o lunghi digiuni, puoi passare momenti fantastici o terribilmente spaventosi, ma non temere, gran parte delle volte non riuscirai a ricordarli. Lo riconosci principalmente dagli occhi rossi.

  1. Il finto amico

Il finto amico, o amico “per convenienza” è la tipologia più criticata, ma ahimè, più numerosa in assoluto. Ha la fantastica capacità di riapparire nella tua vita magicamente nel momento del bisogno, anche se, purtroppo, tale bisogno sarà sempre e soltanto il suo. Molto abile nell’ignorarti completamente e nel riconquistarti alla velocità della luce, è solito cambiare comitive come cambia il vento. Lo riconosci perché non appena si fa vivo, fa sorgere in te spontaneamente la domanda: “Ma adesso questo che vuole?”

  1. L’amico di università

L’amico universitario o “compagno d’ansia” avrà sempre un posto privilegiato nel tuo cuore. È quello che quando hai un esame importante ripete con te fino alle 4 del mattino e si sveglia insieme a te accompagnandoti e alzando la tua mano nel tragico momento in cui il prof ti chiama per nome durante l’appello e l’unica cosa che tu vorresti fare è scappare via per cercare un nascondiglio in cui piangere e maledire la tua vita. L’amico universitario, inoltre, è disposto a sincronizzare il suo ritmo di studio con il tuo e a condividere con te diverse tipologie di crisi esistenziali e ansie sul futuro. Per lui meriteresti sempre 30 e lode. Lo riconosci perché negli occhi ha il tuo identico terrore.

  1. L’amico di Facebook

Se lo incontri per strada non lo saluti, non hai idea di chi sia, non hai mai sentito la sua voce, probabilmente non vi siete mai nemmeno presentati. In pratica non è un amico. Non lo riconosci.

  1. L’amico lontano

Volgarmente detto “amico di WhatsApp” è l’amico che non vedi mai, ma con cui, senza sapere bene neanche il motivo, comunichi soltanto virtualmente. Sai vagamente cosa accade nella sua vita, ogni tanto ti aggiorna su questioni di particolare rilevanza, non manca mai per gli auguri durante le festività. A causa della lontananza vi vedete raramente, ma sai interpretare alla perfezione il suo umore studiando le faccine che utilizza nelle vostre interminabili conversazioni. Lo riconosci dall’immagine del profilo.

  1. L’amico impegnato

L’amico impegnato è quello che non frequenti mai perché è sempre da qualche altra parte a fare qualche altra cosa. Se ti chiama per darti un appuntamento la probabilità che ti dia buca è circa dell’80 %. Per incontrarlo devi minacciarlo o costringerlo con la forza a rinunciare ai suoi impegni, ma attenzione, ti farà sentire in colpa per almeno una settimana. A questa categoria appartengono anche gli amici secchioni, con cui è impossibile organizzare qualsiasi cosa che non sia un’escursione in biblioteca o un salto in copisteria per fare decine e decine di fotocopie. Lo riconosci perché è l’unico che non c’è mai.

  1. L’amico scroccone

L’amico scroccone, perennemente squattrinato, si invita a casa tua esibendo ogni volta una scusa assurda o divertente. È l’amico sfortunato a cui capitano le disgrazie più disparate: a volte non ha l’elettricità in casa, a volte viene derubato, spessissimo perde tutti i suoi averi in qualche circostanza misteriosa. La verità è che ti ama follemente e apprezza ogni momento passato in tua compagnia. Lo riconosci perché è seduto accanto a te a mangiare il tuo cibo, e se non lo vedi probabilmente sta usando il tuo bagno.

  1. L’amico con cui devi prendere un caffè da almeno 5 anni

Ultimo, ma non per importanza, l’amico del caffè rimandato è comune a tutti. Abbastanza importante da farti rimanere in sospeso per anni, non troppo da farti sentire in colpa e costringerti ad agire. La vostra amicizia dipende esclusivamente da questa promessa, e nessuno dei due osa immaginare cosa potrebbe accadere se venisse finalmente mantenuta. Un po’ per pigrizia, un po’ per vecchi conti in sospeso, entrambi sapete che tra trent’anni sarete nella stessa condizione di stallo, ed entrambi continuerete a pensare che a contattarvi dovrebbe essere l’altro. Lo riconosci perché quando pensi a lui ripeti a te stesso: “Dai, sarà per la prossima volta!”

Come abbiamo avuto modo di verificare, è molto difficile definire questa strana entità che, convenzionalmente o meno, chiamiamo “amico”. L’unica cosa che si può affermare con certezza è che un buon amico, qualunque sia la sua categoria di appartenza, non è altro che un meraviglioso dono dell’universo da conservare gelosamente.