Dick Runner: la donna che corre in percorsi a forma di pene

Sandy Sciuto

In WEB / Sandy Sciuto / Comments

Vi sarete chiesti spesso come unire l’utile al dilettevole e la fatica col piacere quando correte e non vi sembra di arrivare mai a destinazione ed intanto il fiato scarseggia.

Oltreoceano, Claire, trentatreenne del New Jersey ha trovato una soluzione per tenersi in forma divertendosi.

È successo tutto per caso, tre anni fa, in uno dei tanti giorni in cui Claire si allenava per le strade di Kansas City. La giovane statunitense tra una falcata e l’altra si era persa per la città e solo grazie al GPS aveva ritrovato la posizione. Nell’usare l’app per correre, però, si era resa conto che i chilometri percorsi avevano tracciato un profilo praticamente identico a quello di un fallo eretto. Da quel giorno alla fatica si unì l’ingegno ed il divertimento.

Claire, infatti, dal 2015 corre seguendo dei percorsi a forma di pene segnati sull’app per correre. Ogni percorso lo condivide sul suo profilo Instagram @dick_run_claire creando clamore, euforia e voglia di imitarla. Il suo profilo Instagram oramai conta più di 15.000 follower ed è pieno zeppo di peni di qualsiasi grandezza, forma ed angolazione in cui vengono dettagliatamente indicati testicoli, glande ed altro con commenti ironici e allegri.

A chi le chiede di questa strana e pazza routine di tracciare percorsi a forma di peni sull’app per correre, Claire definisce la cosa “una strana dipendenza” Commenta, infatti, che “disegnare cazzi giganti sulle mappe cittadine è solo uno stimolo”, il primo obiettivo resta ed è mantenersi in forma correndo per la città.

Intanto, però, l’idea di Claire non dispiace neppure alla stessa Claire che nel frattempo ha fatto di questa idea strampalata un punto di forza del suo profilo social. Per questo, ciò che a primo impatto sembra essere un mero giochino sciocco, col tempo è diventato un vero e proprio impegno che richiede dedizione ed organizzazione. Adesso Claire segna dettagliatamente sulle mappe i suoi percorsi da runner a forma di peni, valutando vie, quartieri e percorribilità. Il risultato deve sempre essere: un pene ben disegnato per bruciare calorie in armonia.

Sta così tanto riscuotendo successo Claire, diventata oramai la “Dick Runner”, che i suoi follower si relazionano con lei in due modi.

Vi sono alcuni che la emulano, quindi vanno a correre seguendo un percorso a forma di fallo che poi postano sui loro social taggando Claire che ricondivide tra le stories Instagram l’impresa. Ciò è sicuramente positivo in quanto è servito a far sì che i pigri della prima ora si alzino dal divano e si mettano in movimento.

Vi sono altri, invece, che propongono a Claire di andare oltre i falli. C’è, infatti, chi le chiede di correre seguendo percorsi a forma di tette, di vagine o di sederi. Questi ultimi, di certo, sono i follower più giocosi della runner statunitense che hanno preso dell’idea di Claire solo l’aspetto puramente social.

Claire in tutto questo?

Sostiene che vuole correre in 50 Stati tracciando un percorso a forma di pene e ha accontentato i suoi follower: per la prima volta qualche settimana fa ha corso percorrendo una vagina!