Capolavori d’ingegneria: le 7 meraviglie del mondo cinese

La crescita tecnologica e strutturale in Cina ha conosciuto negli ultimi decenni uno sviluppo estremamente rapido, consentendo al Paese asiatico di compiere grandi progressi in campi come l’istruzione, le infrastrutture, le produzioni ad alta tecnologia e le applicazioni commerciali. Finanziamenti, riforme ed investimenti per lo sviluppo socio-economico si sono rivelati di fondamentale importanza per permettere di puntare continuamente sull’innovazione e sulla ricerca che hanno contribuito ad incrementare il patrimonio ed il prestigio nazionale.

Il risultato di questa crescita globale ha trovato riscontro anche nell’ampliamento urbano che si è arricchito di opere avveniristiche ed uniche in tutto il mondo. In questa rassegna vi proponiamo 7 delle costruzioni più particolari che la Cina è stata in grado di realizzare negli ultimi anni.

Guangzhou Circle 

[theplan.it]

Inaugurato il 16 dicembre 2013, il Guangzhou Circle Mansion è un landmark building situato a Guangzhou, la più grande città costiera del sud della Cina. La struttura è stata annoverata dalla CNN tra le 10 costruzioni più interessanti del 2014 e costituisce la sede della Hong Da Xing Ye Group, la borsa di interscambio di materiale plastico più grande del mondo. È stato disegnato dall’architetto italiano Joseph Di Pasquale, si articola in 33 piani e si innalza fino ad un’altezza di 138 metri che gli permette di essere l’edifico circolare più alto del mondo. Possiede la caratteristica unica di avere uno spazio vuoto al centro, anch’esso perfettamente circolare con un diametro di 48 metri.

Galaxy Soho

[it.wikipedia.org]

Inaugurato nel 2012 e situato su un lotto di terreno da 50 mila metri quadri nel centro di Pechino, il Galaxy Soho è un complesso di lusso polifunzionale dal design lussuoso ed ultramoderno. La sua conformazione sembra ricordare quella di quattro uova bianche a righe che si ergono sullo skyline cittadino. La progettazione è stata curata da Zaha Hadid, l’architetto di origine irachena vincitrice del Premio Pritzker nel 2004 e del Premio Stirling nel 2010 e nel 2011.

Phoenix Island

[agoda.com]

Soprannominata “Oriental Dubai” per le evidenti somiglianze con le architetture della metropoli degli Emirati Arabi, la Phoenix Island è un arcipelago artificiale nelle vicinanze dell’isola di Hainan. Cinque edifici di 28 piani che ricordano la forma delle barche a vela si ergono nei pressi di Sanya Bay, coprendo una superficie di quasi 400 mila metri quadrati; l’intera struttura ospita alberghi extra lusso, un centro conferenze, un porto per yacht e navi da crociera, ristoranti, negozi, aree sportive e ricreative e anche un theme park.

CCTV Headquarters

[arup.com]

Il quartier generale della China Central Television è un grattacielo di 234 metri e 51 piani. Situato nella capitale Pechino, è stato ultimato nel dicembre 2008 pochi mesi dopo la conclusione dei Giochi Olimpici estivi. L’edificio è stato costruito in due sezioni distinte che sono state unite per ottenere due torri piegate in alto e in basso; per questo motivo è stato battezzato anche “Boxer Shorts”. Gli architetti sono stati Rem Koolhaas e Ole Scheeren dell’OMA (Office for Metropolitan Architecture) mentre lo studio di progettazione Arup è stato responsabile dell’articolato progetto ingegneristico. La sede della televisione cinese accoglie gli uffici, gli studi di registrazione e di produzione ed il centro di trasmissione.

New Century Global Centre

[retailfood.it]

Inaugurato il 1° luglio del 2013, il New Century Global Centre è una struttura polifunzionale che si trova nella città di Chengdu, nel sud-ovest del Paese. Le sue dimensioni sono incredibili: la lunghezza di 500 m, la larghezza di 400 m e l’altezza di 100 m ne fanno attualmente l’edificio più grande al mondo per volume (circa 20 milioni di metri cubi). È talmente grande da poter ospitare fino a sette volte il Pentagono e fino a venti il Sydney Opera House. Oltre a un albergo, un centro commerciale, uffici e ristoranti, il fabbricato comprende un cinema IMAX, un complesso universitario, un villaggio mediterraneo e uno spettacolare parco acquatico, caratterizzato da una spiaggia artificiale di 5.000 metri quadrati che si affaccia su una piscina di acqua salata.

Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo

[it.wikipedia.org]

Noto come l’Opera di Pechino o più semplicemente “L’uovo”, il Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo è un teatro dell’opera, progettato dall’architetto francese Paul Andreu. La sua principale peculiarità è la sua cupola ellissoidale, realizzata in titanio e vetro e circondata da un lago artificiale. Comprende un’area di oltre 200 mila metri quadrati, al cui interno si trovano una sala per l’opera da 2416 posti, una sala concerti da 2017 posti ed un teatro da 1040 posti. I lavori di messa in opera sono iniziati nel 2001 e il concerto inaugurale si è tenuto nel dicembre 2007.

Stadio Nazionale di Pechino

[it.wikipedia.org]

Il celebre nido d’uccello è una delle strutture più affascinanti tra quelle che trovano luogo nella capitale. Ideato dall’architetto cinese Ai Weiwei, è stato realizzato in occasione dei Giochi Olimpici del 2008, quando ospitò le cerimonie di apertura e di chiusura. È composto da una doppia struttura: una più interna in cemento e una più esterna in acciaio. I costi di manutenzione annuali di questo incredibile stadio si aggirano intorno agli 11 milioni di dollari.



Giuseppe Forte