Baricco a Catania. Sala piena al Ma per la presentazione di The Game

Francesco Bellia

In #CulturalMente / Francesco Bellia / Comments

Sala decisamente affollata per l’incontro con lo scrittore Alessandro Baricco, organizzato da Leggo Presente Indicativo giorno 6 dicembre al Ma di Catania. Lo scrittore, impegnato in un tour per la presentazione del suo nuovo romanzo The Game (Einaudi Editore), ha introdotto ed esposto alcuni dei temi fondamentali della sua nuova opera, un saggio che ha tra i suoi scopi quello di tracciare una mappatura dettagliata e analitica delle evoluzioni tecnologiche del nostro secolo, di rintracciare le cause, da quelle esterne, a quelle più profonde, psicologiche, della dirompente rivoluzione scientifica e culturale che è incominciata già nel novecento, per comprendere la dimensione e la portata del nuovo sistema culturale odierno, che Baricco definisce appunto sistema del Game: un sistema digitale, veloce, divertente, sempre in movimento, che tende al superamento delle antiche elite del 900′ limitate e circoscritte ( ad esempio le elite scientifiche portatrici della bomba atomica, o quelle intellettuali, entrambe dimostratesi fallimentari), per assecondare invece una logica di condivisione e di contestazione verso sistemi codificati, limitanti e controllanti.

Partendo anche da una interessante ricostruzione della personalità e dell’attività di Steve Jobs, lo scrittore ha fornito un esempio del suo metodo di analisi, consistente, dopo averle descritte a fondo, nell’interrogarsi sul perché dell’esistenza delle nuove tecnologie, al fine di comprendere quale siano i bisogni psicologici che hanno spinto gli esseri umani a compiere i numerosi salti tecnologici in atto.

Un analisi a tutto tondo (che durante la presentazione è stata ovviamente solo tratteggiata in alcune delle sue componenti) motivata dal bisogno di conoscere più approfonditamente le tecnologie e il loro linguaggio. Secondo l’autore un’esperienza personale di scrittura di tale intensità e complessità da tenere svegli la notte, proprio per l’esigenza di connettere tra loro numerosi elementi, ad una prima analisi eterogenei tra loro, ma nel profondo strettamente collegati.

La presentazione è stata accompagnata da proiezioni che illustravano le mappe concettuali concepite dall’autore per collegare tra loro le diverse tecnologie, delle mappe simili a quelle geografiche, con rilievi, fiumi e depressioni, proprio per sottolineare come lo sviluppo scientifico abbia prodotto davvero un nuovo continente culturale da esplorare. Nell’intervento anche una breve ricostruzione esemplificativa, riguardante il passaggio da Space Invaders al Flipper, inserita nello schema denominato dall’autore uomo-tastiera-schermo.

Una presentazione ricca di contenuti, dunque, sebbene avvenuta in uno spazio ristretto rispetto alla platea presente. Lo scrittore ha dimostrato disponibilità nel confrontarsi con il pubblico. Al termine ampio spazio è stato dato al firma copie, con possibilità di interloquire direttamente con l’autore.

Baricco è uno scrittore italiano, autore di numerose opere di successo, tra cui: Oceano Mare, Novecento , I barbari, Seta, Castelli di Rabbia e da ultimo, prima di The Game, La sposa Giovane (Feltrinelli). E’ cofondatore della Scuola di Scrittura, Story Telling and Performing Art Giovane Holden.